Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Con delibera n. 212 dell’11 settembre 2020, il Consiglio di Presidenza della Corte dei conti ha istituito un Osservatorio per le risorse pubbliche con i seguenti compiti: condurre, senza incidere o interferire con le funzioni istituzionali della Corte dei conti, attività di mera ricerca scientifica per quanto attiene alla spesa pubblica; svolgere le sue funzioni in collegamento con analoghi organismi di ricerca internazionali o istituiti all’interno dell’UE, così da assumere, anche in raccordo con l’Ufficio affari internazionali e con la “Scuola di Alta formazione F. Staderini”, opportune iniziative per favorire la conoscenza delle problematiche inerenti alla spesa pubblica dell’Italia nell’ambito dell’Unione europea; svolgere, su richiesta, attività di supporto scientifico alle strutture centrali e regionali della Corte dei conti.

Inoltre, nello svolgimento dell’attività di ricerca, l’Osservatorio può organizzare e promuovere conferenze, convegni ed altre iniziative culturali; favorire scambi di informazioni e di esperienze con le istituzioni di ricerca nazionali e internazionali; curare studi, ricerche e pubblicazioni nel campo economico nonché in materia di controllo interno ed esterno sulla spesa pubblica, nonché partecipare e contribuire alle iniziative di ricerca e di studio che sono attuate da analoghe istituzioni di ricerca, italiane e straniere.

L’Avvocato Gabriele Fava, componente del Consiglio laico del Consiglio di Presidenza della Corte dei conti, ne è stato nominato Presidente.

Sono organi dell’Osservatorio per le risorse pubbliche: il Consiglio, che dura in carica 3 anni ed è composto da 5 magistrati della Corte dei conti (attualmente, per l’area controllo Carlo Chiappinelli, Giovanni Coppola e Maria Teresa Polito, per l’area giurisdizionale Mauro Orefice e per l’area di procura Acheropita Rosaria Mondera), il Presidente e il Comitato scientifico.

Quest’ultimo è composto da otto membri, selezionati tra i professori universitari ordinari e le personalità di riconosciuta esperienza in materie giuridiche ed economiche (attualmente: Maurizio Meloni, Amedeo Lepore, Alberto Franco Pozzolo, Marco Dugato, Gino Scaccia, Marco Allena, Carola Pagliarin e Giuseppe Verde) e dal Direttore scientifico (attualmente, Giovanni Guzzetta).