Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

19/11/2021 Roma
Ufficio Affari internazionali

La Corte dei conti, insieme alle Istituzioni Superiori di Controllo di Ucraina (Chair del Gruppo) e di Albania, Bielorussia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Corte dei conti europea, Estonia, Georgia, Kazakistan, Lettonia, Moldova, Polonia, Romania, Serbia, Turchia e Ungheria, ha partecipato il 16 novembre 2021 al VІІ Meeting del WGAFADC – il Gruppo di lavoro dell’EUROSAI sul Controllo dei Fondi allocati per i Disastri e le Catastrofi. 

La missione del Working Group è coordinare e consolidare gli sforzi delle Istituzioni Superiori di Controllo europee per aiutare i governi, attraverso la propria attività di audit, nello sviluppo di strumenti efficaci ed efficienti per la prevenzione e l'eliminazione delle conseguenze di disastri e catastrofi.

Il meeting, che anche quest’anno si è svolto in modalità a distanza, ha costituito l’occasione per fare il punto della situazione e condividere gli aggiornamenti sulle attività condotte sia in seno al gruppo che a livello nazionale.

La Corte dei conti ha presentato un contributo su “Multilevel competencies and powers. Simplifying without oversimplifying. Some remarks starting from a report of the Italian Corte dei conti on hydrogeological instability”.

La presentazione, prendendo le mosse dalla Relazione su “Gli interventi delle Amministrazioni dello Stato per la mitigazione del rischio idrogeologico” approvata dalla Sezione di Centrale per il controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato con Deliberazione n. 17 del 18 ottobre 2021, si è soffermata sulla specifica attenzione riservata al settore dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) nell’ambito della Missione “Rivoluzione verde e transizione ecologica” con riguardo non solo all’allocazione dei fondi ma ad una governance volta alla semplificazione ed accelerazione delle procedure per l’attuazione degli interventi contro il dissesto idrogeologico. Al contempo, nella presentazione è stato sottolineato come una valutazione rispettosa della complessità della materia non possa ormai prescindere dalle lezioni apprese dalla gestione delle crisi come quella pandemica ha insegnato. 

La Corte dei conti è stata rappresentata dal Presidente Mauro Orefice, Presidente delle Sezioni Riunite in sede giurisdizionale e Magistrato responsabile dell'Ufficio Affari Internazionali, e dal dottor Giulio Stolfi, sostituto Procuratore generale presso la Procura regionale per la Basilicata e membro della Sezione centrale di controllo per gli Affari Comunitari ed Internazionali.