Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

09/09/2022 Roma
Ufficio Affari internazionali

La Corte dei conti ha partecipato alla riunione inter-sessione della Conferenza degli Stati Parte (COSP) della Convenzione delle Nazioni Unite contro la Corruzione (UNCAC), svoltasi a Vienna dal 5 all'8 settembre 2022.

L'incontro si è concentrato sui risultati raggiunti nell'attuazione della Dichiarazione politica adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2021, intitolata "Il nostro comune impegno per affrontare efficacemente le sfide e attuare misure per prevenire e combattere la corruzione e rafforzare la cooperazione internazionale".

Il contributo italiano si è concentrato sulle funzioni giurisdizionali della Corte dei conti in caso di corruzione. In particolare, è stata illustrata l'azione che deve essere promossa dal Procuratore Generale in caso di danno all’immagine degli Enti Pubblici. È stata inoltre sottolineata la natura risarcitoria della condanna disposta dal giudice contabile volta a restaurare la buona reputazione dell’amministrazione offesa.

La Corte dei conti è stata rappresentata dal Presidente Mauro Orefice, Presidente della Sezione Centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato e Magistrato responsabile dell’Ufficio Affari Internazionali e dal Consigliere Giancarlo Astegiano, Vice Procuratore Generale.

Documenti di riferimento