Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Sezione del Controllo sugli Enti 12/10/2020

La Sezione controllo enti della Corte dei conti ha approvato, con determina n. 92/2020, la relazione sulla gestione 2018 di Coni Servizi S.p.a., la società di diritto privato, la cui attività è rivolta alla predisposizione di mezzi e strutture necessari per lo svolgimento di manifestazioni e attività sportive ed eventi collegati, nonché per la gestione di impianti sportivi, in particolare finalizzata a espletare attività strumentali volte al perseguimento e all’attuazione dei compiti istituzionali dell’ente pubblico Coni, che con la legge 31 dicembre 2018, n. 145 (legge di bilancio 2019) ha mutato denominazione e assetto istituzionale divenendo “Sport e salute Spa”. 

Dal documento delle Corte emerge, fra l’altro, che: “Con riferimento ai profili gestionali, l’utile d’esercizio pari a euro 4.147.097 è in aumento di euro 3.818.477 rispetto al 2017 (euro 328.620). Si registra inoltre una crescita di euro 8.042.143 del valore della produzione (da euro 141.668.434 a euro 149.710.577).
Il risultato operativo della gestione caratteristica risulta positivo (euro 3.941.986) sebbene in diminuzione (di euro 204.054) rispetto all’esercizio precedente (euro 4.146.040).
Sul risultato prima delle imposte pari a euro 5.969.605 (rispetto a euro 2.669.559 del 2017), incidono positivamente per euro 3.190.717 i dividendi riconosciuti dall’ICS” (Istituto per il credito sportivo).
I “ricavi delle vendite e delle prestazioni” - comprendenti l’importo del corrispettivo del contratto annuale di servizio con il Coni, nonché i ricavi da servizi resi a terzi - ammontano al 31 dicembre 2018 a euro 145.589.091, rispetto a euro 136.858.553 del 2017 (in crescita del 6,4 per cento). 

Inoltre, al 31 dicembre 2018 i crediti, pari a euro 37.997.700 risultano diminuiti di euro 11.515.064 rispetto al 31 dicembre 2017 (euro 49.512.764).
In particolare, i crediti verso clienti sono pari a euro 34.181.951, con una diminuzione di euro 9.735.140 rispetto al precedente esercizio. 

Infine, “la situazione debitoria nell’esercizio 2018 pari a euro 143.107.029 registra una diminuzione (di euro 11.884.016) rispetto all’esercizio 2017 (euro 154.991.045)”. 


Documenti di riferimento

ULTIME NOTIZIE

28/10/2020

ENTI TERRITORIALI, PUBBLICATE LE LINEE GUIDA PER IL REFERTO SUI CONTROLLI INTERNI

Leggi di più
28/10/2020

PROROGA DELLE REGOLE TECNICHE PER UDIENZE E AUDIZIONI DEL PM CONTABILE IN VIDEOCONFERENZA

Leggi di più
27/10/2020

LA GESTIONE FINANZIARIA 2019 DELL’ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA A FAVORE DEI BIOLOGI

Leggi di più