Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

09/05/2022 Roma
Ufficio Affari internazionali

Nei giorni 3 e 4 maggio si è svolta a Lussemburgo, presso la sede della Corte dei conti Europea, la riunione del Comitato di Contatto dei Presidenti delle Istituzioni Superiori di Controllo (ISC) dell’Unione Europea. Per la prima volta, dal 2019, l’evento si è svolto in presenza e si è articolato in due sessioni della durata di mezza giornata.

Nella prima giornata, i partecipanti hanno affrontato un dibattito sul futuro del Comitato di contatto e un piccolo gruppo di membri delle ISC, Corte dei conti inclusa, ha deciso di riaffrontare la discussione nei prossimi mesi a Lisbona in quanto la ISC portoghese ospiterà la prossima riunione del Comitato di Contatto. La sessione ha poi trattato le Conseguenze e le sfide della pandemia e l’invasione dell’Ucraina per l’Unione Europea e i suoi Membri, con un collegamento in videoconferenza con il Presidente dell’Istituzione di controllo dell’Ucraina Valeriy Patskan e un discorso sulla tematica tenuto dalla Direttrice dell’Istituto Affari Internazionali Nathalie Tocci.

La seconda giornata è stata dedicata ai compiti strategici e alle sfide per le Istituzioni Superiori di Controllo dell'UE nell’accertare il valore aggiunto del Recovery and Resilience Facility (RRF) a livello nazionale e dell’Unione Europea.

La presentazione italiana "Il Controllo del PNRR – Il nuovo approccio della Corte dei conti" ha evidenziato come siano stati ampliati poteri e responsabilità della Corte dei conti nell'ottica di esercitare un audit più mirato ed efficiente sul PNRR. In particolare, è stato illustrato il controllo concomitante quale strumento principalmente rivolto a progetti, piani e programmi finanziati dal PNRR.

La Corte dei conti è stata rappresentata da Mauro Orefice, Presidente della Sezione Centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato e Magistrato responsabile dell’Ufficio Affari Internazionali e da Giulio Stolfi, Sostituto Procuratore Generale presso la Procura regionale della Basilicata e magistrato della Sezione di controllo affari comunitari e internazionali.