Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Sezione del Controllo sugli Enti 06/05/2021

Ales s.p.a. è una società in house del Mibact (che ne detiene il 100 per cento delle azioni) e svolge, prevalentemente per detto Ministero, l’esercizio di attività e la realizzazione di iniziative volte alla gestione, valorizzazione e tutela dei beni culturali in ambito nazionale ed internazionale nonché la realizzazione di attività culturali, la promozione ed il sostegno finanziario, tecnico-economico ed organizzativo di progetti ed altre iniziative di investimento a favore delle attività culturali e dello spettacolo, anche attraverso la ricerca di sponsor. Le attività di Ales, in particolare, si concretizzano in progetti che puntano al miglioramento delle condizioni di utilizzazione e fruibilità del patrimonio architettonico, archeologico, artistico, bibliotecario e paesaggistico italiano, rispetto ai quali l’Ente cura ogni aspetto tecnico-amministrativo.

Dalla relazione approvata dalla Sezione controllo enti della Corte dei conti con delibera n. 21/2021, emerge che, nel 2019, Ales ha gestito complessivamente 58 contratti di servizio, di cui 28 stipulati con le Direzioni generali del Mibact e 30 con gli Istituti culturali dotati di autonomia e con i c.d. Grandi musei, per un totale di 29 contraenti e 161 Referenti sul territorio, con i quali la struttura si è costantemente relazionata per gli aspetti organizzativi e gestionali.

Il risultato economico del 2019 si attesta a 3,19 mln, in aumento rispetto all’esercizio 2018 del 10,84 per cento. L’incremento del valore della produzione (12,87 per cento) è accompagnato da un aumento dei relativi costi (13,17 per cento), con un risultato operativo positivo, pari a 5,43 mln, mentre nel 2018 era stato pari a 4,94 mln (9,92 per cento). L’attivo dello stato patrimoniale presenta, invece, un decremento rispetto all’esercizio precedente del 5,20 per cento, attestandosi a circa 105,74 mln, rispetto a 111,54 mln del 2018, a causa della diminuzione dell’attivo circolante (5,18 per cento). Il patrimonio netto nel 2019 registra un aumento del 2,38 per cento rispetto al 2018, assestandosi a 19,68 mln.

Documenti di riferimento

ULTIME NOTIZIE

23/06/2021

Giudizio di parificazione sul rendiconto generale della Regione Toscana per l’esercizio finanziario 2020

Leggi di più
22/06/2021

MEMORIA DELLA CORTE DEI CONTI SULLA GOVERNANCE DEL PNRR

Leggi di più
21/06/2021

16-18 giugno 2021 - Dodicesima riunione del Gruppo di lavoro intergovernativo sulla prevenzione della corruzione

Leggi di più