Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

20/06/2022 Roma
Ufficio Affari internazionali

Nella mattina del 14 giugno si è tenuta, on line, una riunione dell’EUROSAI Project Group sui futuri rischi, tra i quali quelli derivanti dalla crisi climatica.
Le organizzazioni che raccolgono le Istituzioni Superiori di Controllo si sono da sempre dimostrate particolarmente sensibili alle questioni ambientali e già da tempo operano, in forma stabile, gruppi di lavoro dedicati sia a livello di INTOSAI che a quello dell’EUROSAI. In quest’ultimo, in tempi più recenti, si stanno sperimentando delle forme più agili di cooperazione che affiancano quelle più consolidate dei Gruppi di lavoro. Tra queste nuove forme di cooperazione vi sono i Project Groups, come quello in questione, che nel corso della riunione del 14 giugno ha in particolare approfondito l’aspetto dei costi del cambiamento climatico e delle modalità per tracciare tali spese partendo dalle osservazioni della Relazione speciale 09/2022 “La spesa per il clima nel bilancio dell'UE 2014-2020” pubblicata dalla Corte dei conti europea il 30 maggio scorso. Alla riunione del dell’EUROSAI Project Group on Future risks and Climate crisis hanno partecipato il Consigliere Erika Guerri, magistrato addetto all’Ufficio Affari Internazionali, e il dottor Andrea Giordano, magistrato della Sezione Giurisdizionale dell’Emilia-Romagna.
Le tematiche ambientali saranno nuovamente affrontate, questa volta nel più ampio contesto di INTOSAI, nel corso della 21ª Assemblea dell’INTOSAI Working Group on Environmental Auditing che si svolgerà dal 4 al 6 luglio prossimi e che vedrà la partecipazione della Corte dei conti.