Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Ufficio Stampa - Comunicato stampa n. 77 del 10/11/2021

La gestione della Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Ragionieri e Periti Commerciali ha portato, nel 2019, ad un aumento dell’utile di esercizio attestatosi su 64,1 milioni di euro, rispetto ai 7,9 milioni di euro del 2018. Il patrimonio netto aumenta, poi, del 2,76% circa, passando da 2.314 milioni di euro a 2.378 milioni di euro, per effetto di tale consistente utile di esercizio.

E’ quanto emerge dalla relazione della Sezione del controllo sugli enti della Corte dei conti sulla CNPR, approvata con determinazione n. 107/2021, che attribuisce il risultato positivo all’accresciuto saldo fra ricavi e costi della produzione (+17 milioni di euro), a maggiori proventi finanziari e minori oneri che, in totale, assommano a 94 milioni di euro (mentre erano 45 milioni di euro nell’esercizio precedente) e al miglioramento del saldo negativo (-29 milioni di euro), tra rivalutazioni e svalutazioni delle attività finanziarie.

La Sezione torna a rilevare come l’Ente, pur avendo adottato diverse misure organizzative per la riscossione dei crediti verso gli iscritti, non riesca ad arginare il loro continuo aumento (da 588 milioni di euro nel 2018 a 640,6 milioni di euro nel 2019); al lordo del fondo di svalutazione, infatti, i crediti corrispondono ormai al doppio delle entrate contributive annuali. Va ricordato che nel 2019 gli iscritti alla Cassa, inclusi coloro che svolgono attività pur essendo già pensionati, risultano 28.589, con una percentuale di -0,65% rispetto all’anno precedente, mentre le pensioni erogate assommano a 9.760 (+2,62%).

La Corte, inoltre, ha evidenziato la necessità che l’Ente, tenuto a garantire in un tempo prospetticamente lungo l’adeguatezza e l’equilibrio della propria gestione, compia un’idonea ponderazione in ordine alle scelte di investimento (si vedano, fra l’altro, i risultati negativi del Fondo Scoiattolo) che debbono risultare “prudenti, oculate e trasparenti”.

Infine, nel bilancio tecnico redatto secondo ipotesi specifiche, parzialmente diverse da quelle ministeriali, risulta una previsione di saldi previdenziali negativi in ciascuno degli anni che vanno dal 2033 al 2065.

Pertanto, la magistratura contabile richiama la Cassa a proseguire nell’azione di revisione del regime contributivo e delle prestazioni, nonché nell’efficientamento della struttura interna, al fine di garantire la propria sostenibilità finanziaria nel lungo periodo.

Corte dei conti
Ufficio stampa

Documenti di riferimento

ULTIMI COMUNICATI STAMPA

22/11/2021

ISMEA, CORTE CONTI: OK A GESTIONE FINANZIARIA 2020

Leggi di più
16/11/2021

ENEL, CORTE CONTI: APPROVATA RELAZIONE GESTIONE FINANZIARIA 2020

Leggi di più
08/11/2021

SPORT E SALUTE, CORTE CONTI: OK A GESTIONE 2019

Leggi di più