Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Ufficio Stampa - Comunicato stampa n. 4 del 19/01/2022

Le strategie di sviluppo dell’Autorità di sistema portuale Mar Adriatico settentrionale (AdSP MAS) e gli interventi per garantire il rispetto degli obiettivi prefissati sono strettamente collegati al più generale tema della salvaguardia della laguna di Venezia. Non risulta ancora completata l’unificazione amministrativa e gestionale dei porti compresi nell’Autorità, con evidenti ripercussioni sulla programmazione strategica, sull’organizzazione e sui servizi gestiti.

È quanto emerge dalla relazione della Sezione del controllo sugli enti della Corte dei conti sulla gestione 2020 dell’AdSP MAS, approvata con delibera n. 131/2021, nella quale la magistratura contabile ha evidenziato l’assenza di aggiornamenti al Protocollo sperimentale “Fanghi” - risalente al 1993 e, a tutt’oggi, unico riferimento per la gestione in condizioni di sicurezza ambientale dei sedimenti - anche al fine di adeguarlo alle più recenti discipline normative comunitarie e nazionali, in materia di salvaguardia ambientale.

Visti gli ultimi provvedimenti normativi - prosegue la Sezione - come il “decreto Venezia” e il PNRR, che hanno previsto ingenti risorse per lo sviluppo dell’area, è necessario dar corso rapidamente ad un’ampia programmazione strategica degli interventi di sviluppo. In materia di grandi infrastrutture, inoltre, si sono registrati nel 2020 ancora ritardi, soprattutto nella riconversione e riqualificazione economica dell’area industriale di Porto Marghera.

La gestione 2020 si è conclusa con un avanzo finanziario di competenza di euro 7.188.288 (-6.965.251 nel 2019) ed un risultato di amministrazione di euro 20.280.936 (11.472.470 nel 2019). Il conto economico evidenzia un utile di esercizio di 425.236 euro, decisamente inferiore rispetto al 2019 (€ 10.502.315).
Il patrimonio netto ammonta a € 235.948.518 (235.523.282 nel 2019) per effetto dell’utile di esercizio di 425.236 euro, mentre il debito complessivo passa dai 309.107.586 del 2019 ai 320.921.409 del 2020.

Rilevanti gli effetti della pandemia ancora in corso nella gestione delle attività e nel bilancio 2020, in particolare se riferiti alla contrazione dei proventi da tasse di ancoraggio, tasse portuali e canoni ed alla diminuzione del traffico portuale (in calo dell’11% circa rispetto al 2019) che si attesta complessivamente a 23 milioni di tonnellate: il porto di Venezia vede diminuire i propri traffici del 10,2% mentre quello di Chioggia di ben il 31%.

Corte dei conti
Ufficio stampa

Documenti di riferimento

ULTIMI COMUNICATI STAMPA

24/05/2022

INAIL, CORTE CONTI: OK A RELAZIONE SU GESTIONE 2020

Leggi di più
23/05/2022

DISABILITA’, CORTE CONTI: LA GESTIONE 2016-2021 DEL FONDO PER IL DIRITTO AL LAVORO

Leggi di più