Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Ufficio Stampa - Comunicato stampa n. 4 del 12/01/2021

Nel 2019, in una situazione di flessione dello scenario petrolifero e del più accentuato calo dei prezzi del gas a causa dell’eccesso di offerta globale e della contrazione della domanda asiatica, Eni spa chiude l’esercizio 2019 con un utile netto di 2.978 mln di euro, in diminuzione di 195 mln rispetto al 2018, in cui l’utile era stato di 3.173 mln, per effetto, essenzialmente, della riduzione del risultato operativo (-1.844 mln) e dei maggiori oneri di imposta (387 mln).

Tali effetti sono stati solo in parte compensati dai maggiori proventi netti su partecipazioni (1.988 mln). Anche l’utile netto di competenza, pari a 148 mln, evidenzia una diminuzione di 3.978 mln rispetto al 2018, mentre il patrimonio netto della Società si è attestato a 41.636 mln, in diminuzione del 2,3% rispetto al 2018.

Sono i dati contabili di rilievo che emergono dalla relazione sulla gestione finanziaria di Eni spa per l’esercizio 2019, approvata dalla Sezione del controllo sugli enti della Corte dei conti, con determina n. 127/2020.

La flessione interessa anche l’utile netto del Gruppo, pari, nel 2019, a 155 mln di euro rispetto ai 4.137 mln del 2018 e il suo patrimonio netto, comprese le interessenze di terzi, è diminuito di 3.177 mln, passando da 51.016 mln al 31 dicembre 2018 a 47.839 al 31 dicembre 2019 per effetto, principalmente, del decremento dell’utile dell’esercizio (-3.978 mln).

“Tali risultati” - rileva la Corte – “sono maturati in un contesto operativo e di mercato caratterizzato dal rallentamento del ciclo macroeconomico globale, nonché da sviluppi geopolitici avversi che hanno aumentato l’incertezza negli operatori, condizionando in alcune aree specifiche in modo diretto la performance dell’Eni, che, tuttavia, ha rivisto a più riprese i piani industriali e i programmi operativi mettendo in campo un insieme di azioni finalizzate a rafforzare la liquidità e la struttura patrimoniale, difendere la redditività e aumentare la resilienza allo scenario in attesa di tornare a crescere, accelerando nel contempo l’evoluzione del business in chiave low carbon”.

Ulteriori sviluppi negativi, da monitorare attentamente per l’impatto sui risultati operativi e sul cash flow dell’Ente, si osservano nel primo semestre 2020, con la riduzione media del 40% rispetto al primo semestre 2019 del prezzo del Brent di riferimento del petrolio e una flessione media del 50 % del prezzo del gas naturale.

Corte dei conti
Ufficio stampa

Documenti di riferimento

ULTIMI COMUNICATI STAMPA

21/01/2021

UE, CORTE CONTI: ITALIA QUARTO PAESE CONTRIBUTORE, ORA PUO’ RECUPERARE CON RECOVERY E FONDI STRUTTURALI

Leggi di più
20/01/2021

SANITA’, CORTE CONTI: MARCATE DIFFERENZE NORD-SUD USO RISORSE PIANO RIQUALIFICAZIONE

Leggi di più
15/01/2021

ACI, CORTE CONTI: OK GESTIONE 2018 MA SERVE CONTENIMENTO SPESE

Leggi di più