Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Sezione giurisdizionale regionale Calabria 22/11/2021

Pensioni civili – Computo dei compensi accessori di cui all’art. 12 della legge n. 335/1992 – Presupposti.

Ai sensi dell’art. 12 della legge n. 335/1995, tutti gli emolumenti corrisposti al lavoratore, ad eccezione di quelli tassativamente indicati nell’art. 12 della legge 30.4.1969, n. 153, sia che attengano al c.d. trattamento fondamentale che a quello accessorio, concorrono a formare la base pensionabile (cfr. II sez. Appello, sent. N. 57/2018).

Pensioni civili – Computo dei compensi accessori del DSGA ex all’art. 89 del CCNL Scuola 2006-2009 – Presupposti.

Rientrano nel trattamento retributivo accessorio dei Direttori dei servizi generali e amministrativi, e devono dunque essere computati ai fini del relativo trattamento previdenziale, i compensi accessori percepiti “per attività e prestazioni aggiuntive connesse a progetti finanziati con risorse dell’UE, da enti pubblici e da soggetti privati”, previsti dall’art. 89 del CCNL Scuola 2006 – 2009; dette attività, infatti, “rientrano tra i compiti previsti per la categoria a norma del CCNL del 29/11/2007” perché "connesse ai normali compiti d'istituto affidatigli" (Miur Prot. n: AOODGAI – 3761 del 30 Luglio 2009).
I suddetti compensi sono “erogati dall’istituzione scolastica di appartenenza” e “sono riconducibili alla categoria dei redditi da lavoro dipendente e, dunque, assoggettati alle ritenute fiscali e contributive” (nota Mef n. 136657 del 15 dicembre 2008).

Documenti di riferimento