Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Sezione giurisdizionale regionale Calabria 24/11/2021

Il dies a quo della prescrizione va individuato nel tempus dell’erogazione delle somme contestate a titolo di danno erariale (nella specie consistente negli interessi corrisposti sulla somma indebitamente conseguita, e poi restituita). 

Costituisce fattispecie di responsabilità erariale l’aver illegittimamente richiesto trasferimenti erariali aggiuntivi (in specie, a titolo compensativo del minore gettito ICI) e poi negato/ritardato la restituzione dell’indebito percepito dal Comune, così determinando un danno erariale, concretizzatosi nella corresponsione di interessi sulla somma indebitamente percepita (nella specie, è stata accertata la responsabilità del Sindaco e del Vicesindaco, nonché responsabile dell’ufficio finanziario pro tempore, dell’ente locale per i trasferimenti erariali aggiuntivi indebitamente percepiti dal Comune per immobili non rientranti tra quelli per i quali il Comune poteva avere titolo al beneficio di cui all’articolo 2, comma 1, del DM n. 197/2002).

Documenti di riferimento