Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Sezione Controllo Regione Lombardia 12/10/2020

Il Collegio accerta: - la tardiva approvazione del rendiconto 2017 e 2018 rispetto alle tempistiche di cui all’art. 227 del TUEL; - il mancato inserimento dei dati relativi al rendiconto 2017 all’interno del sistema BDAP, così come per il rendiconto 2016; - la mancata determinazione del Fondo Pluriennale (rendiconto 2017); - il reiterato ricorso all’anticipazione di tesoreria sia nel 2017 che nel 2018; - il mancato rispetto tempestività dei pagamenti rendiconto 2017 e 2018; - l’insufficiente attività diretta al recupero di somme derivanti da evasione tributaria per gli anni 2017 e 2018; - il mancato accantonamento Fondo crediti dubbia esigibilità entro i termini di approvazione del consuntivo 2017 e l’incongruità sia per il 2017 che per il 2018 rispetto alla mole dei residui attivi; - il mancato accantonamento fondo indennità di fine mandato entro i termini di approvazione del consuntivo 2017 e il mancato accantonamento nel rendiconto 2018; - il mantenimento di residui passivi provenienti dal 2016 e da esercizi precedenti sia per il 2017 che per il 2018 dovuti ad insufficiente liquidità; - la nota informativa, attestante i rapporti creditori e debitori degli enti strumentali e delle società controllate e partecipate, non risulta corredata dalla doppia asseverazione da parte dei rispettivi organi di controllo, ai sensi dell'articolo 11, comma 6, lettera j) del D. Lgs. n. 118/2011 (Rendiconto 2017); - il mancato rispetto dei i parametri deficitari di cui ai numeri 3, 4 e 9; - la mancata adozione delle procedure di valutazione dei cespiti secondo quanto stabilito dal principio contabile 4/2.