Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Seguici su

Comunicato stampa del 20 dicembre 2017 - Ufficio affari internazionali

18 e 19 dicembre 2017 -  Primo Meeting del Contact Committee Working Group on prevention and fight against irregularities and fraud.

La Corte dei conti, nei giorni 18 e 19 dicembre 2017, ha ospitato il primo Meeting del Contact Committee Working Group on prevention and fight against irregularities and fraud. Tale Gruppo di Lavoro, che nell’ambito del Comitato di Contatto dei Presidenti delle Istituzioni Superiori di Controllo (ISC) dei Paesi membri dell’UE si occupa di prevenzione e lotta alle irregolarità, è stato promosso ed è presieduto dalla Corte dei conti. Al meeting, preceduto da un’a mpia sessione seminariale, hanno partecipato esponenti dell’IGRUE, dell’OLAF, dell’Agenzia per la Coesione territoriale, del Dipartimento per le Politiche di Coesione, del COLAF, il Membro italiano della Corte dei conti europea Pietro Russo e rappresentanti delle Istituzioni Superiori di Controllo (ISC) di Croazia, Malta, Portogallo, Romania, e dell’ECA.

Il meeting ha consentito importanti approfondimenti delle problematiche inerenti all’afflusso dei dati, al loro trattamento, alla possibilità di ampliare l’area di alimentazione ed utilizzazione dei database esistenti, tenendo conto delle diverse caratteristiche delle Istituzioni Superiori di Controllo. Ciò in base anche al diverso approccio che le ISC hanno al tema della irregolarità e delle frodi che, in quelle che hanno funzioni giurisdizionali, presenta aspetti di particolare coerenza e sinergia.

Il Gruppo di lavoro ha analizzato anche le future fasi di avanzamento proposte dalla Corte dei conti ed ha avviato quindi l’attività di cooperazione.

Corte dei conti
Ufficio stampa