Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente. Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

26 giugno 2014 - Giudizio di parificazione del rendiconto generale dello Stato relativo all’esercizio finanziario 2013

Le Sezioni riunite della Corte dei conti, presiedute dal Presidente della Corte dei conti Raffaele Squitieri, alla presenza delle più alte cariche istituzionali, hanno pronunciato la decisione nel giudizio sul Rendiconto generale dello Stato per l’esercizio finanziario 2013.

 
Aula Sezioni Riunite - Giudizio di parificazione del rendiconto generale dello Stato 2013 Introduzione del Presidente della Corte dei conti, Raffaele Squitieri: ''L’esame del Rendiconto generale dello Stato è l’oggetto specifico di questo giudizio di parificazione, che conclude il ciclo annuale dei controlli affidato dalla Costituzione alla Corte dei conti, allo scopo di consentire al Parlamento di assumere le proprie determinazioni sulla base di un’ampia verifica della affidabilità, della trasparenza, della veridicità e della regolarità dei conti.''(segue)
Aula Sezioni Riunite - Giudizio di parificazione del rendiconto generale dello Stato 2013 Relazione orale del Presidente di coordinamento delle Sezioni riunite in sede di controllo Enrica Laterza: ''Nell'illustrare i principali tratti del Rendiconto generale 2013, occorre ricordare, ancora una volta, che il bilancio dello Stato, pur conservando importanza nel finanziamento di servizi alla collettività e, soprattutto, nel trasferimento di risorse agli altri livelli di governo, ha visto progressivamente ridurre la propria incidenza sulla spesa pubblica complessiva.''(segue)
Aula Sezioni Riunite - Giudizio di parificazione del rendiconto generale dello Stato 2013 Requisitoria orale del Procuratore generale Salvatore Nottola: ''Le vicende del bilancio dello Stato – che si compendiano nel rendiconto generale – consentono alla Corte dei conti, in occasione del giudizio di parifica, di esprimere le sue valutazioni in merito alla gestione finanziaria ed ai suoi riflessi sull’economia.''(segue)

Stampa la pagina