Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Comunicato stampa n. 55 del 29 luglio 2019 - Sezione delle Autonomie

ENTI LOCALI, DA CORTE CONTI LINEE PER RELAZIONE SU BILANCI PREVISIONE 2019-2021
Deliberazione della Sezione delle Autonomie

La Sezione delle Autonomie della Corte dei conti ha approvato, con delibera n. 19/SEZAUT/2019, le linee di indirizzo per la relazione dei revisori dei conti dei Comuni, delle città metropolitane e delle Province sui bilanci di previsione 2019-2021.

La Sezione, mantenendo il metodo semplificato di rilevazione delle informazioni contabili di maggiore significato attraverso un questionario corredato da pochi quadri contabili, come di consueto, ha accompagnato questo strumento informativo con apposite linee di indirizzo sugli aspetti più significativi per tutte le amministrazioni locali.

Il filo conduttore sono state le rilevanti novità normative introdotte in materia di finanza e contabilità locale dalla Legge di bilancio 145/2018, tra queste figurano, in particolare, quelle attuative dei recenti interventi della Corte costituzionale che hanno segnato radicali mutamenti nella disciplina della materia.

In quest’ottica, le linee di indirizzo focalizzano l’attenzione sull’utilizzo degli avanzi di amministrazione, ora sottratti ai vincoli di finanza pubblica, ma non al rispetto dei principi contabili che presiedono alla sana gestione finanziaria.

Uno specifico approfondimento è riservato alle nuove regole sull’equilibrio di bilancio che, per una corretta applicazione, deve andare oltre il solo risultato della competenza e tener anche conto degli effetti degli accantonamenti di maggiore rilievo.

Nella stessa ottica si è dato particolare rilievo all’impatto sulla struttura degli equilibri di bilancio degli effetti delle disposizioni in materia di definizione agevolata delle cartelle di pagamento in riscossione, tenuto conto della proroga della “rottamazione ter”, dell’estensione di tali rimedi anche alle ingiunzioni fiscali riscosse dall’ente o tramite società abilitate ed, infine, allo stralcio automatico delle “minicartelle”.

Sul piano della gestione del bilancio, viene richiamata l’attenzione al rispetto delle regole che governano la fase dei pagamenti, la cui fluidità favorisce l’ordinata gestione dei rapporti contrattuali ed evita le conseguenze dei ritardi nei pagamenti (incremento del livello di rigidità dei bilanci a causa del peso degli interessi, anche di quelli connessi al ricorso alle anticipazioni di liquidità; nuovi obblighi di accantonamento al fondo per la garanzia dei debiti commerciali).

Relativamente alle spese per investimenti, è stato raccomandato soprattutto un miglioramento degli aspetti organizzativi interni funzionali all’attività di impulso e monitoraggio del corretto e celere corso dei procedimenti di affidamento ed esecuzione dei lavori e degli altri appalti: in tal modo, si potrà rendere proficua la semplificazione delle regole sulla conservazione delle risorse nel Fondo pluriennale vincolato e soprattutto dare un effettivo impulso all’economia locale con il pieno impiego dei consistenti contributi e delle risorse dei molteplici fondi costituiti con specifiche finalizzazioni a particolari settori quali l’edilizia scolastica, il territorio, l’a mbiente, le periferie.

Corte dei conti
Ufficio stampa