Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Comunicato stampa del 23 aprile 2019 - Sezione delle Autonomie

REGIONI, CORTE CONTI APPROVA LINEE GUIDA PER RELAZIONI REVISORI SU RENDICONTI 2018
La Sezione Autonomie della Corte dei conti ha approvato le linee guida per le relazioni dei collegi dei revisori dei conti sui rendiconti delle Regioni e delle province autonome per l’anno 2018.
Si tratta di un appuntamento importante ai fini delle verifiche - di competenza delle Sezioni regionali di controllo - sul rispetto degli obiettivi del equilibrio di bilancio, dei vincoli di finanza pubblica e della sostenibilità dell’indebitamento da parte degli enti.
Tra i profili maggiormente attenzionati, ci sono i necessari riferimenti all’analisi e alla composizione del disavanzo, tenendo conto delle diverse tipologie e modalità di copertura previste dalla legge, la ricognizione del grado di puntualità dei pagamenti e delle modalità di gestione di talune entrate proprie degli enti, l’analisi della situazione di cassa e la corretta determinazione del risultato di amministrazione, nella parte vincolata e accantonata.
Focus specifici sono dedicati all’adeguatezza degli accantonamenti al fondo crediti di dubbia esigibilità, alla corretta costruzione del fondo pluriennale vincolato, di parte corrente e di parte capitale, nonché alla verifica dei rapporti di debito e di credito reciproco con gli organismi partecipati, tenendo conto anche degli esiti della revisione periodica delle partecipazioni societarie, a norma dell’art. 20 del D.lgs. n. 175/2016.
Le linee guida restano uno strumento di efficace interlocuzione e collaborazione tra organi di controllo interno ed esterno, anche per gli accertamenti connessi al giudizio di parificazione. La possibilità di utilizzare il flusso informativo contenuto nelle banche dati pubbliche ha consentito di semplificare i “quadri contabili” del questionario privilegiando la relazione dei revisori sulla parte “quesiti”, ferme restando le verifiche sulla coerenza dei dati presenti nel sistema che essi sono tenuti a compiere.

Corte dei conti
Ufficio stampa