Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Comunicato stampa del 25 gennaio 2018 - Sezione Centrale di Controllo sulla Gestione delle Amministrazioni dello Stato

Relazione concernente “Il Fondo per la crescita sostenibile (anni 2013-2016)”.

Con deliberazione n. 16/2017/G del 14 novembre 2017 la Sezione Centrale di Controllo sulla Gestione delle Amministrazioni dello Stato ha approvato la C “Il Fondo per la crescita sostenibile (anni 2013-2016)”.
L’istituzione del Fondo per la crescita sostenibile (Fcs) si inseriva nel quadro dell’azione di riordino degli interventi a sostegno del sistema produttivo, di cui all’art. 23 del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni dalla l. 7 agosto 2012, n. 134, il quale ha introdotto una serie di disposizioni finalizzate a riorganizzare il Fondo speciale rotativo sull’i nnovazione tecnologica-Fit, rinominato “Fondo per la crescita sostenibile” (Fcs), disponendo, contestualmente, l’abrogazione di numerose disposizioni concernenti la concessione e l’erogazione di agevolazioni, fermo restando il completamento degli interventi già approvati.
Il Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, ha individuato le priorità, le forme e le intensità massime di aiuto concedibili nell’a mbito del Fondo per la crescita sostenibile, ai sensi dell’art. 23, c. 3, del d.l. n. 83/2012, con il d. interm. 8 marzo 2013. La gestione della maggior parte degli interventi è stata solo di recente avviata.
La ricognizione degli interventi è stata eseguita adottando  il criterio dell’origine finanziaria riconducibile al Fondo per la crescita sostenibile e la distinzione per macro categorie, articolate secondo i profili normativi relativi al Fondo, corrispondenti agli obiettivi di politica industriale perseguiti: “Ricerca, sviluppo e innovazione” (R&S&I), “ Internazionalizzazione”, “Sviluppo produttivo e territoriale”, dando contezza dello stato di attuazione conseguito in ciascun ambito settoriale, ma rilevando che la gestione delle risorse avviene attraverso contabilità speciali che non rendono immediatamente ostensibili le modalità di spesa.


Corte dei conti
Ufficio stampa