Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Comunicato stampa del 22 gennaio 2019 - Sezione di controllo per gli affari comunitari e internazionali

Relazione speciale “Irregolarità e frodi sul Fondo di sviluppo regionale (FESR) nella Programmazione 2007-2013. Procedure di recupero e loro esito”

FONDI FESR 2007-2013: 75% SOMME IRREGOLARI DA RECUPERARE

Il 75,7% dei fondi FESR 2007-2013 erogati in modo irregolare o fraudolento non è stato ancora recuperato, nonostante il tempo trascorso dalla chiusura della Programmazione. Il dato incide prevalentemente sul bilancio nazionale. A incidere, nella maggior parte dei casi, è il numero particolarmente esiguo degli addetti all’attività di recupero.

E’ quanto emerge da un’indagine della Sezione di controllo degli Affari Comunitari ed Internazionali della Corte dei Conti volta a definire l’entità dei recuperi sulle irregolarità e sulle frodi del FESR 2007-2013, che ha esaminato 5 Programmi, tra questi quelli che usufruiscono di elevati finanziamenti sia per la realizzazione di opere pubbliche che per il sostegno allo sviluppo e alle attività produttive (PON Reti e mobilità, PON Ricerca & competitività, POR-FESR Veneto, POR-FESR Lazio e POR-FESR Sicilia), su un campione del 53,4% del totale.

Gli importi recuperati rappresentano, in media, una percentuale minima rispetto alla somma irregolare, pari al 24,3%.

Se si considera la spesa relativa ai Programmi regionali, il tasso di recupero è più basso ed è pari al 18,2%. A questo risultato concorre, in modo rilevante, il limitato recupero in alcune regioni. Una forma particolarmente utilizzata, di recupero, è quella della compensazione.

Molto diffusa, inoltre, soprattutto nell’ambito dei Programmi nazionali, è la decertificazione delle spese irregolari, che è pari al 94,7%. Questa modalità è ammessa dalla Commissione e consiste nell’eliminazione dalla successiva domanda di pagamento UE degli importi ritenuti irregolari. Questo comporta una ricaduta diretta sul bilancio nazionale e/o regionale delle relative somme che devono essere recuperate a cura dello Stato membro.

Tra le irregolarità segnalate dalle Amministrazioni soggette al controllo (5 Programmi), infine, il 4,4% circa (pari a 19 casi su un totale di 428) è rappresentato da sospette frodi, casi per i quali sono pendenti procedimenti penali per i quali i relativi importi figurano tra i sospesi ai sensi dell’art. 95 del Reg. 1083/2006. Pur trattandosi di un numero limitato di fattispecie, la loro rilevanza, sotto il profilo finanziario, è elevata ed incide per il 17%.


Corte dei conti
Ufficio stampa