Corte dei conti Corte dei conti Corte dei conti

Relazioni al Parlamento

Stampa del documento Stampa del documento

Funzioni della Corte dei conti

 

La Corte dei conti è organo di rilievo costituzionale, autonomo ed indipendente da altri poteri dello Stato. La Costituzione le affida importanti funzioni di controllo (art. 100 Costituzione) e giurisdizionali (art. 103 Costituzione) definendola “organo ausiliario”. Con ciò si intende che essa coadiuva gli organi titolari di funzioni legislative, di controllo ed indirizzo politico, esecutive e di amministrazione attiva. Tale funzione “al servizio” di altre non incide, tuttavia, su natura e prerogative della Corte di Organo neutrale, indipendente ed autonomo rispetto al Parlamento ed al Governo, e che svolge le proprie funzioni non solo nell’interesse degli organi “ ausiliati” e della pubblica amministrazione, ma anche dello Stato collettività.

Il rapporto della Corte con il Parlamento si è progressivamente consolidato rendendo, al fine dell’esercizio delle funzioni legislative e di indirizzo e controllo politico sull’esecutivo, le Camere elettive le principali e naturali destinatarie dei risultati dei controlli della Corte dei conti.

La progressiva espansione delle funzioni di controllo a scopo di referto agli organi elettivi, svolte della Corte dei conti ha accentuato la cosiddetta funzione “ausiliaria” dell’Istituto nei confronti di Camera e Senato.