Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Comitato Unico di Garanzia

Logo Cug

Il Comitato Unico di Garanzia delle Pari opportunità, contro le discriminazioni e il benessere dei lavoratori della Corte dei conti

Testo tratto dall'intervento del Presidente della Corte dei conti Luigi Giampaolino in occasione del Seminario "Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, ad un anno dalla sua costituzione" svoltosi il 12 e 13 giugno 2012.

"L’art. 21 della legge n.183/2010 ha rivisitato il tema delle pari opportunità, del contrasto alle discriminazioni nel lavoro e al fenomeno del mobbing apportando alcune modifiche al decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165 e introducendo un nuovo e diverso organismo: “il Comitato unico di garanzia delle pari opportunità, contro le discriminazioni e il benessere dei lavoratori”.

Tale modifica, così come risulta dai lavori parlamentari, è stata una necessaria e naturale evoluzione dei “Comitati pari opportunità” e dei “Comitati per il contrasto al fenomeno del mobbing” in risposta a quanto richiesto dalle politiche comunitarie che hanno perfettamente compreso come un ambiente di lavoro improntato al benessere dei lavoratori sia elemento imprescindibile per garantire un maggior apporto lavorativo e, conseguentemente, una maggiore produttività.

Il nuovo organismo esplicitamente amplia la garanzia dei lavoratori ma, al contrario di quanto possa apparire prima facie, non ha come unico scopo la tutela del lavoratore.

Il CUG, seppure in una logica di continuità con i Comitati per le pari opportunità ed i Comitati per il contrasto del fenomeno del mobbing, si afferma, infatti, come soggetto del tutto nuovo, attraverso il quale il legislatore, tenendo conto delle criticità esistenti, intende raggiungere più obiettivi:

a) assicurare parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici e garantendo l’assenza di qualunque forma di violenza morale o psicologica e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua;

b) favorire l'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l’efficienza delle prestazioni lavorative, anche attraverso la realizzazione di un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità, di benessere organizzativo e di contrasto di qualsiasi forma di discriminazione e di violenza morale o psichica nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici;

c) razionalizzare e rendere efficiente ed efficace l’organizzazione della pubblica amministrazione anche in materia di pari opportunità, contrasto alle discriminazioni e benessere dei lavoratori e delle lavoratrici, tenendo conto delle novità introdotte dal D.Lgs. 150/2009 e delle indicazioni derivanti dal D.Lgs. 81/2008, T.U. in materia della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".

Leggi tutto

 

Per ulteriori informazioni

Indirizzo: Via Antonio Baiamonti, 25 - 00195 Roma
Telefono: 06.38761
Fax: 06.3876 2774
Email: comitatounicodigaranzia@corteconti.it

Attività
Normativa
Link utili