Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Comunicato stampa del 26 giugno 2013

 

Derivati MEF - Precisazione Corte dei conti


In merito alle notizie diffuse oggi dalla stampa nazionale ed internazionale sui rischi di perdite relative ad operazioni in derivati gestite dal MEF, la Corte dei conti precisa quanto segue:

  • sul tema della gestione del debito pubblico, e quindi anche sulle operazioni ad essa connesse, la Corte riceve dal Dipartimento del Tesoro, con cadenza semestrale, una specifica relazione prevista dal DM 10 novembre 1995;
  • le operazioni di sottoscrizione del debito pubblico, nonché quelle di natura creditizia, mobiliare e valutaria non sono soggette al controllo preventivo della Corte, ai sensi dell’art. 13, comma 13 della legge n. 20/1994;
  • le quantificazioni sulle possibili perdite connesse alla rinegoziazione dei contratti sui derivati e ad eventuali oneri per l’erario non sono attribuibili in alcun modo alla Corte;
  • la stessa Relazione al Parlamento sul Rendiconto generale dello Stato, che accompagna la decisione di Parificazione prevista per domani, non contiene alcuna stima in materia;
  • come indicato dal Financial Times di oggi, le stime sono state avanzate da tre esperti indipendenti consultati dallo stesso quotidiano.


Infine si precisa che l’indagine richiamata dalla stampa è unicamente riferibile all'operazione, già conclusa all’inizio del 2012, con la quale si è provveduto alla chiusura di un contratto sottoscritto nel 1994 con la Banca Morgan Stanley.

 

Corte dei conti

Ufficio stampa