Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Sezioni riunite in sede giurisdizionale

Le Sezioni riunite in sede giurisdizionale sono presiedute dal Presidente della Corte dei conti.

Presidente di coordinamento delle Sezioni riunite in sede giurisdizionale: Mario PISCHEDDA

Presidente di coordinamento delle Sezioni riunite in sede giurisdizionale: Mauro OREFICE

Telefono: 06 38763437
Telefono: 06 38762052

Presidenti:

Composizione:

Dirigente: Maria Laura IORIO

Telefono: 06 38763532
Via A. Baiamonti, 25 – 00195 Roma
Telefono: 06 38763321
Email: sezioni.riunite.sede.giur@corteconti.it
Pec: sezioni.riunite.sede.giur@corteconticert.it

 

Attività

Sentenza n. 8/2019/EL del 19 marzo 2019 - Sezioni riunite in sede giurisdizionale in speciale composizione (PDF,131KB) Sentenza n. 8/2019/EL del 19 marzo 2019 - Sezioni riunite in sede giurisdizionale in speciale composizione (PDF,131KB) in Nuova Finestra
Deve ammettersi la legittimazione attiva a ricorrere avverso un asserito non corretto esercizio della funzione di controllo, anche da parte di tutti coloro che, pur non avendo partecipato al relativo procedimento, dall'esito dello stesso fanno discendere lesioni di situazione giuridiche soggettive di cui sono titolari atteso che le deliberazioni della sezioni regionali di controllo non possono essere sindacate da un giudice diverso dalla stessa Corte dei conti. Non sussiste alcun interesse concreto ed attuale, di una società partecipata ad impugnare la deliberazione emessa da una Sezione regionale di controllo sul rispetto delle disposizioni e dei principi inseriti nel relativo Testo unico, in quanto produttiva solo di effetti indiretti ed eventuali, dipendenti da fattori estranei alla delibera, quali il "facere" del socio pubblico o l'eventuale raggiungimento di un'intesa con gli altri soci pubblici. (Nella fattispecie è stata dichiarata la legittimazione, ma escluso l’interesse ad agire di una società partecipata, rimasta estranea al procedimento di controllo ancorché la verifica della sezione svolta nei socio partecipante concernesse la sua qualificazione come società soggetta a controllo pubblico ed il conseguente mancato rispetto dell’art. 9 del Tusp).
Sentenza n. 5/2019/EL del 18 febbraio 2019 - Sezioni riunite in sede giurisdizionale in speciale composizione (PDF,198KB) Sentenza n. 5/2019/EL del 18 febbraio 2019 - Sezioni riunite in sede giurisdizionale in speciale composizione (PDF,198KB) in Nuova Finestra
Il controllo del giudice contabile sulle misure correttive adottate dall’ente ai sensi dell’art 148bis del Tuel, è svolto in termini unitari ed onnicomprensivi: non è possibile, pertanto, ipotizzare una riapertura parziale della fase accertativa in funzione della tipologia delle misure disposte con conseguente disponibilità per l’ente di un nuovo termine di sessanta giorni. Il blocco della spesa relativa ai programmi per i quali è stata accertata la mancata copertura o insussistenza della spesa, può essere riferito alla spesa di carattere non obbligatorio, unitariamente intesa, e quindi ai programmi che l’ente ha finanziato in base alla sua discrezionalità.
Ordinanza n. 5/2019/EL del 18 febbraio 2019 - Sezioni riunite in sede giurisdizionale in speciale composizione (PDF,168KB) Ordinanza n. 5/2019/EL del 18 febbraio 2019 - Sezioni riunite in sede giurisdizionale in speciale composizione (PDF,168KB) in Nuova Finestra
Non è manifestamente infondato, in relazione agli articoli 3, 81, 97, c.1., 119, c. 6, e 136 Cost., il dubbio sulla legittimità costituzionale dell'art. 2, c. 6, del d.l. 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla l. 6 agosto 2015, n. 125, come interpretato autenticamente dall’art. 1, c. 814, della l. 27 dicembre 2017, n. 205, che consente agli enti destinatari delle anticipazioni di liquidità di cui all'art. 1 del d.l. 8 aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla l. 6 giugno 2013, n. 64, di utilizzare la quota del risultato di amministrazione accantonata per sterilizzare gli effetti delle predette anticipazioni, ai fini dell'accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità.
Sentenza n. 1/2019/EL del 15 gennaio 2019 - Sezioni riunite in sede giurisdizionale in speciale composizione (PDF,173KB) Sentenza n. 1/2019/EL del 15 gennaio 2019 - Sezioni riunite in sede giurisdizionale in speciale composizione (PDF,173KB) in Nuova Finestra
In materia di parifica regionale l’interesse a ricorrere, sussiste quando viene contestata la conformità a legge delle verifiche compiute. Il giudice della parifica non può ritenersi vincolato ad un proprio precedente, quando, per l’assenza di un’analisi peculiare su un determinato dato contabile, non sia stata rilevata l’inosservanza di una norma. Il disavanzo d’amministrazione si ripiana (o si riduce nei casi previsti di ripiano pluriennale), se nel consuntivo relativo all’esercizio al quale è stato applicato si accerta un miglioramento del risultato d’amministrazione. La disposizione contenuta nell’articolo 4, comma 2 del d.m. 2 aprile 2015 per il maggior disavanzo da riaccertamento dei residui, è una norma meramente tecnica, attuativa di principi generali dettati dalla Costituzione e dal d.lgs. n. 118/2011.