Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Giurisdizione

Sentenza n. 65/2016 del 2 settembre 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,226KB) Sentenza n. 65/2016 del 2 settembre 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,226KB) in Nuova Finestra
Perugia. Responsabilità a carico del legale rappresentante di una s.r.l., per il danno derivante dall'indebita percezione di contributi pubblici.
Sentenza n. 63/2016 del 2 settembre 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,327KB) Sentenza n. 63/2016 del 2 settembre 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,327KB) in Nuova Finestra
Terni. Responsabilità a carico di amministratori e dirigenti provinciali per il danno corrispondente alle spese derivanti dalla illegittima stabilizzazione, con contratto a tempo indeterminato, di alcune unità di personale, oltre all'inutile esborso di spese legali a favore di un avvocato, incaricato di resistere in giudizio per avversare le domande di stabilizzazione originariamente azionate.
Sentenza n. 62/2016 del 1 settembre 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,170KB) Sentenza n. 62/2016 del 1 settembre 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,170KB) in Nuova Finestra
Comune di Foligno (Pg). Danno da indebita percezione dell'indennità di esclusività, da parte di un dirigente medico, derivante dalla violazione degli obblighi inerenti il rapporto di lavoro di dipendenza esclusiva da un ospedale. Svolgimento di attività libero professionale non autorizzata dalla USL di appartenenza.
Sentenza n. 61/2016 del 1 settembre 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,350KB) Sentenza n. 61/2016 del 1 settembre 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,350KB) in Nuova Finestra
Comune di Perugia: danno cagionato da un curatore fallimentare del tribunale che, in concorso con il proprio coniuge , si è appropriato indebitamente di ingenti somme di denaro di pertinenza di alcune procedure concorsuali.
Sentenza n. 60/2016 del 29 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,216KB) Sentenza n. 60/2016 del 29 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,216KB) in Nuova Finestra
Comune di Terni - Danno da illegittima esenzione del pagamento del contributo per costruire.
Sentenza n. 59/2016 del 29 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,248KB) Sentenza n. 59/2016 del 29 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,248KB) in Nuova Finestra
Comune di Foligno (Pg) - Danno derivante dalla omessa attivazione della polizza fideiussoria assicurativa, prestata a garanzia dell'esatto adempimento degli obblighi contrattuali assunti dal consorzio di gestione della prevista piscina comunale.
Sentenza n. 54/2016 del 4 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per la regione Abruzzo (PDF,390KB) Sentenza n. 54/2016 del 4 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per la regione Abruzzo (PDF,390KB) in Nuova Finestra
Responsabilità amministrativa e contabile – Contributi pubblici – Falsa rendicontazione degli interventi ammessi a finanziamento – Presidente del consorzio beneficiario – Colpa grave - sussiste. E’ gravemente colposa la condotta del presidente di un consorzio di tutela di un marchio DOP, beneficiario di un contributo pubblico finalizzato alla promozione e alla tracciabilità del prodotto, il quale non si sia avveduto che le azioni relative all’adozione del disciplinare di produzione, al censimento delle aziende consorziate e alla tracciabilità non erano state svolte ed erano state falsamente attestate dai tecnici all’uopo incaricati.
Sentenza n. 113/A/2016 del 2 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale d'Appello per la regione siciliana (PDF,274KB) Sentenza n. 113/A/2016 del 2 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale d'Appello per la regione siciliana (PDF,274KB) in Nuova Finestra
La Sezione d’Appello della Corte dei Conti per la Sicilia ha ravvisato la sussistenza della responsabilità amministrativa del Presidente di una Provincia per le spese, prive di qualsiasi utilità giuridicamente apprezzabile, poste a carico dell’Amministrazione in occasione di un viaggio all’estero, palesemente esulante dalle finalità istituzionali dell’Ente.
Sentenza n. 112/2016 del 2 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale d'Appello per la regione siciliana (PDF,271KB) Sentenza n. 112/2016 del 2 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale d'Appello per la regione siciliana (PDF,271KB) in Nuova Finestra
La Sezione d’Appello della Corte dei Conti per la Sicilia ha condannato il dirigente amministrativo di una struttura ospedaliera per aver tenuto comportamenti gravemente negligenti, riguardanti l’organizzazione del Servizio di ordinazione dei pasti per i degenti, le verifiche della regolarità delle forniture giornaliere e la relativa contabilità, con conseguente insorgenza di un notevole danno erariale correlato ai maggiori esborsi ingiustificatamente sostenuti dall’Amministrazione.
Sentenza n. 53/2016 del 2 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Abruzzo (PDF,194KB) Sentenza n. 53/2016 del 2 agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Abruzzo (PDF,194KB) in Nuova Finestra
Responsabilità amministrativa e contabile – Atto di indirizzo della Giunta comunale – Servizio scuolabus comunale – Trasporto degli alunni di scuola primaria dal Comune di residenza verso un Comune limitrofo – Sussistenza della scuola corrispondente nel Comune di residenza - Erronea interpretazione della normativa – Colpa grave – Non sussiste. Non è connotata da colpa grave la condotta dei componenti della Giunta comunale i quali, con proprio atto di indirizzo, abbiano deliberato l’attivazione del servizio di scuolabus comunale per il trasporto di alunni residenti nel Comune stesso verso la scuola di un altro Comune, interpretando estensivamente il requisito normativo della “mancanza della corrispondente scuola” nel Comune di residenza di cui all’art. 3, lettera b), del decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione del 31 gennaio 1997 (nella specie, nel Comune di residenza era presente una “pluriclasse” che accorpava in sé gli alunni frequentanti le classi dalla prima alla quarta della scuola primaria, mentre nel Comune di destinazione erano presenti classi distinte per ciascuna fascia d’età).
Sentenza n. 372/2016 del 1 agosto 2016 - Terza Sezione giurisdizionale centrale di Appello (PDF,76KB) Sentenza n. 372/2016 del 1 agosto 2016 - Terza Sezione giurisdizionale centrale di Appello (PDF,76KB) in Nuova Finestra
Il danno all’immagine arrecato all’amministrazione è dato dalla violazione di doveri di servizio per conseguire vantaggi patrimoniali illeciti. La lesione del prestigio dell’ente, in particolare, deriva dalla conoscenza della condotta illecita da parte della collettività, specie se del fatto ne è stata data ampia diffusione attraverso i mass media.
Sentenza n. 228 del 1° agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,249KB) Sentenza n. 228 del 1° agosto 2016 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,249KB) in Nuova Finestra
Due sindaci pro tempore di un comune ed il responsabile del patrimonio comunale sono responsabili per over omesso di incassare somme dovute per la sanatoria (di cui alla L.R. 18/2000) di regolarizzazione delle occupazioni di alloggi di edilizia residenziale pubblica, destinati in locazione ad inquilini sfrattati non morosi ed aver in tal modo causato un ingente danno al patrimonio dell’ente per l’omessa stipula dei relativi contratti di locazione, la mancata riscossione dei canoni di locazione e la conseguente evasione dell’imposta di registro.
Sentenza n. 136/2016 del 29 luglio 2016 e n. 163 /2016 del 4 ottobre 2016 – Sezione Giurisdizionale per la Lombardia (PDF,203KB) Sentenza n. 136/2016 del 29 luglio 2016 e n. 163 /2016 del 4 ottobre 2016 – Sezione Giurisdizionale per la Lombardia (PDF,203KB) in Nuova Finestra
Con le sentenze n. 136 del 29 luglio 2016 e n. 163 del 4 ottobre 2016, la Sezione ha affermato che è improponibile, per l’assenza di un danno certo e per mancanza di interesse all’azione, la domanda del pubblico ministero presso la Corte dei conti intesa ad ottenere da un pubblico dipendente il risarcimento del danno erariale c.d. indiretto (derivante, cioè, da un danno cagionato a terzi dal dipendente e risarcito dalla pubblica amministrazione) fondata su di una sentenza di condanna civile esecutiva, ma non passata in giudicato, richiamando, al riguardo, il decisum di cui alle sentenze delle Sezioni riunite n. 14/QM del 5 settembre 2011 e n. 3/QM del 15 gennaio 2003.
Sentenza n. 227 del 18 luglio 2016 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,858KB) Sentenza n. 227 del 18 luglio 2016 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,858KB) in Nuova Finestra
Alcuni dirigenti del MIUR sono responsabili del danno erariale derivato dell’anomala gestione della procedura di acquisto di prodotti multimediali, denominati “pillole del sapere”, in violazione della normativa sui contratti pubblici. Nella specie, senza alcuna preventiva ricerca di mercato, anziché indire una gara, contrattando con un’unica impresa fornitrice, senza alcuna valutazione di congruità dell’offerta, dolosamente frazionando la commessa per aggirare le soglie comunitarie, attuando irregolarità contabili e confusione nello stesso organo delle varie fasi del procedimento, hanno determinato l’acquisto prodotti di scarso valore didattico ad un prezzo esorbitante rispetto al reale valore commerciale.
Sentenza n. 54/2016 del 14 luglio 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,285KB) Sentenza n. 54/2016 del 14 luglio 2016 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria (PDF,285KB) in Nuova Finestra
Amministrazione provinciale di Terni: danno derivante dalla illegittima stabilizzazione, con contratto a tempo indeterminato, di un ingegnere.