Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Giurisdizione

Sentenza n. 102 del 28 luglio 2017 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,420KB) Sentenza n. 102 del 28 luglio 2017 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,420KB) in Nuova Finestra
La Sezione d'Appello della Corte dei Conti per la Sicilia, previa disamina della normativa in materia di criteri di quantificazione del danno all'immagine della P.A., con particolare riferimento a quella contenuta nell'art. 1, comma 62, della L. n.190/2012, ha disposto la condanna di due sottufficiali della Guardia di Finanza (già riconosciuti colpevoli in sede penale di numerosi episodi di concussione e corruzione) a risarcire i gravi danni cagionati all'immagine ed al prestigio dell'Amministrazione d'appartenenza.
24 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 122/2017 (PDF,232KB) 24 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 122/2017 (PDF,232KB) in Nuova Finestra
La sentenza n° 122 del 24 luglio 2017, sulla natura dichiarativa del giudizio pensionistico innanzi alla Corte dei conti, tende all’accertamento del diritto a pensione nella misura di legge (rientrando nella cognizione della stessa anche le conseguenze in termini di recupero)
18 luglio 2017 - Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 118/2017 (PDF,279KB) 18 luglio 2017 - Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 118/2017 (PDF,279KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 118 del 18 luglio 2017 è stata affermata la giurisdizione della Corte dei conti in ordine a domande di tipo risarcitorio (in adesione alla giurisprudenza della Corte di cassazione), allorquando la richiesta è basata non sulla violazione del principio generale del neminem laedere, bensì sul prospettato ritardato adempimento della corretta prestazione pensionistica, cioè in materia attribuita alla giurisdizione esclusiva della Corte dei conti ex art. 62 del r.d. 12 luglio 1934, n° 1214 ed ex artt. 151 e ss. del c.g.c.)
Sentenza n. 77 del 10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,207KB) Sentenza n. 77 del 10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,207KB) in Nuova Finestra
La sentenza afferma la responsabilità amministrativa per danno erariale nei confronti di un Ente gestore di una Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili mentali nonché dei soggetti incaricati di attività gestionali presso l'Ente ovvero di attività di controllo presso l'AULSS, ove siano stati violati gli standard di personale medico e infermieristico previsti dalle convenzioni che regolano il servizio e l'Ente abbia conseguito la piena remunerazione da parte dell'Azienda sanitaria con ingiustificato risparmio di spesa.
10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Piemonte - Sentenza n. 53 del 16 giugno 2017
Corte dei conti - articolo 103 comma 2. Costituzione - materia di contabilità pubblica - Controllo dei rendiconti consiliari ex art. 1 comma 10 DL 174/2012 - controversia in materia di recupero delle somme dichiarate irregolari dalla sezione regionale di controllo - giurisdizione contabile - sussiste.
10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Piemonte - Decreto n. 6 del 23 marzo 2017
Giudizio abbreviato. Ambito del potere cognitivo del giudice. Indagine sui presupposti di ammissibilità e sul merito dell'accordo. Necessità.
Ordinanza n. 63 del 7 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,446KB) Ordinanza n. 63 del 7 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,446KB) in Nuova Finestra
L'ordinanza in questione afferma che la competenza per i giudizi riguardanti magistrati contabili, già in servizio nella sede del giudice adito, ai sensi dell'art. 18, comma 3, del codice della giustizia contabile, appartiene alla Sezione indicata nella tabella A del codice, anche per i fatti verificatisi prima della data di entrata in vigore del codice e ancorché, sempre prima di tale data, fosse iniziata l'attività istruttoria e fosse stato emesso l'invito a fornire deduzioni.
Sentenza n. 76 del 6 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,176KB) Sentenza n. 76 del 6 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,176KB) in Nuova Finestra
La sentenza esclude la configurabilità del danno da disservizio per il mero inadempimento di prestazioni di servizio e afferma che il danno da disservizio, che costituisce un pregiudizio ulteriore rispetto al danno patrimoniale diretto, deve essere ricondotto al nocumento procurato dalla condotta illecita del dipendente al corretto funzionamento dell'apparato pubblico, sia sotto forma di pregiudizio caratterizzato da una prestazione soltanto apparente resa verso l'utenza, sia sotto forma di prestazione caratterizzata dall'esercizio illecito e penalmente rilevante di funzione pubblica, con la conseguenza che, nel primo caso, il danno coincide con il pregiudizio per l'utenza che non ha potuto fruire del servizio nei termini previsti, mentre, nel secondo caso, consiste nella spesa effettuata per l'organizzazione e lo svolgimento di una attività amministrativa improduttiva di risultati.
5 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 106/2017 (PDF,287KB) 5 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 106/2017 (PDF,287KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 106 del 5 luglio 2017 è stato ricostruito il quadro normativo relativo all’efficacia dei pareri resi dalle Commissioni mediche ospedaliere in ordine alla dipendenza di infermità da causa di servizio
4 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 102/2017 (PDF,491KB) 4 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 102/2017 (PDF,491KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 102 del 4 luglio 2017 la Sezione ha affrontato questioni relative alla valenza dannosa di una deliberazione della Giunta regionale, adottata il 20 maggio 2009, con cui l’Amministrazione regionale decideva sia di proporre ricorso per cassazione avverso una decisione del Consiglio di Stato, sia di conferire al riguardo la rappresentanza legale dell’Amministrazione stessa anche ad un legale esterno. Nella fattispecie la Sezione, esclusa la sussistenza di dolo o colpa grave nella condotta dei convenuti relativa alla scelta di proporre il predetto ricorso per cassazione, ha ravvisato l’ultroneità e la valenza dannosa della decisione della Giunta regionale di avvalersi, per il giudizio innanzi alla Corte di cassazione, anche di un legale esterno, considerato che l’Avvocatura regionale annoverava, all’epoca dei fatti in contestazione, diciassette Avvocati di ruolo, di cui sette abilitati al patrocinio innanzi a detta superiore giurisdizione, fra cui anche i due Avvocati che furono poi effettivamente impiegati, oltre al legale esterno, per il menzionato ricorso.
28 giugno 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 100/2017 (PDF,454KB) 28 giugno 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 100/2017 (PDF,454KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 100 del 28 giugno 2017 la Sezione ha affermato che l’atto di costituzione in mora a fini interruttivi della prescrizione (art. 2943, comma 3, cod. civ.) costituisce atto unilaterale recettizio (cfr. Corte di cassazione, 21 dicembre 2010, n° 25861; 7 maggio 1980, n. 3004), relativamente al quale opera una presunzione di conoscenza iuris tantum, regolata dall’art. 1335 del cod. civ. e dalle limitazioni ivi previste a garanzia del destinatario di atti recettizi, sicché la predetta efficacia interruttiva, riferita ad un messaggio di posta elettronica certificata, ben può essere validamente contrastata dalla prova, fornita dal ricevente, di essersi trovato nell’impossibilità incolpevole di avere conoscenza dell’atto stesso; impossibilità che, nel caso trattato, è stata individuata nello stato di detenzione in carcere del destinatario.
27 giugno 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 99/2017 (PDF,603KB) 27 giugno 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 99/2017 (PDF,603KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 99 del 27 giugno 2017 è stata affermata la carenza di giurisdizione della Corte dei conti (ed affermata quella del giudice amministrativo) relativamente a controversie, instaurate da personale in servizio, relative alle future modalità di calcolo di trattamento pensionistico non ancora in godimento
Sentenza n. 328 del 26 giugno 2017 - Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia (PDF,384KB) Sentenza n. 328 del 26 giugno 2017 - Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia (PDF,384KB) in Nuova Finestra
Integra gli estremi di un illecito amministrativo-contabile, a titolo di colpa grave, il comportamento del responsabile dell’ufficio tecnico comunale, che ometta di provvedere alla diretta rideterminazione del costo di costruzione, ovvero, in alternativa, di proporre siffatto adempimento all’organo consiliare; risultando irrilevante la irrisorietà numerica, rispetto alla non trascurabile importanza dell’ente danneggiato, delle irregolarità conseguenti alla contestata condotta omissiva (nella specie, la circostanza, in uno con gli impeccabili precedenti di servizio, è stata tuttavia valorizzata in sede di applicazione del potere riduttivo dell’addebito)
26 giugno 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 94/2017 (PDF,151KB) 26 giugno 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 94/2017 (PDF,151KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 94 del 26 giugno 2017 è stata esaminata una fattispecie vertente su un caso di danno erariale, derivante dallo svolgimento di incarichi non autorizzati, ascritto ad un medico dipendente da Azienda ospedaliera milanese, retribuito con contratto di lavoro a tempo indeterminato e con clausola di esclusiva.
L'ipotesi di danno ascritta, consistente nelle maggiorazioni retributive correlate all’opzione per il regime di esclusiva ed indebitamente versate al convenuto negli anni di riferimento, è stata ritenuta fondata, per evidente infrazione della disciplina vigente (nella specie: art. 72, comma 6, della legge 23 dicembre 1998, n° 448), con conseguente pregiudizio derivato all'azienda pubblica per essere state erogate retribuzioni non dovute.
26 giugno 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 93/2017 (PDF,307KB) 26 giugno 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 93/2017 (PDF,307KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 93 del 26 giugno 2017 ed altre di analogo oggetto, sono stati trattati dalla Sezione casi di c.d. malpractice sanitaria