Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Giurisdizione

Sentenza n. 241 dell’11 settembre 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,230KB) Sentenza n. 241 dell’11 settembre 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,230KB) in Nuova Finestra
In tema di responsabilità erariale derivante da violazioni della disciplina contrattuale delle alte professionalità (art. 2, co.1, d.lgs. n. 165/2001)
Sentenza n. 426/2017 del 1 settembre 2017 - Terza Sezione giurisdizionale centrale di Appello (PDF,312KB) Sentenza n. 426/2017 del 1 settembre 2017 - Terza Sezione giurisdizionale centrale di Appello (PDF,312KB) in Nuova Finestra
L’istanza di revocazione è ammissibile nei casi tassativi previsti dalla legge non essendo un ulteriore grado di giudizio. L’omesso esame di una memoria difensiva può costituire “errore di fatto” (art. 395, n. 4 c.p.c.), a condizione che la parte dimostri sia l’omesso esame sia la valenza decisiva dell’atto defensionale nel condurre il Giudice ad una decisione diversa da quella adottata.
Sentenza n. 194 del 1° agosto 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,129KB) Sentenza n. 194 del 1° agosto 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,129KB) in Nuova Finestra
Il Collegio ha accolto l’azione revocatoria del fondo patrimoniale di oltre un milione di euro, costituito dal sindaco pro tempore del comune di Bracciano, condannato per ingenti danni erariali (prec. sentenze n. 367/2015, n. 158/2016, n. 254/2016 e n. 4/2017).
31 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 126/2017 (PDF,382KB) 31 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 126/2017 (PDF,382KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 126 del 31 luglio 2017 la Sezione ha affrontato la questione relativa ad un ipotizzato danno erariale derivante da un parere tecnico, ritenuto incongruo dalla Procura attrice, reso dalla convenuta, ingegnere dell’ANAS e r.u.p. nel relativo procedimento, nell’ambito di una complessa procedura transattiva tra l’ANAS stessa ed una associazione temporanea di imprese (ATI), in lite per l’esecuzione di lavori di adeguamento lungo una strada statale.
Nella fattispecie, la Sezione ha ritenuto che la scelta consultiva operata dalla convenuta nella sua qualità di r.u.p. sia esente da colpa grave, valutando ex ante lo stato di avanzamento dei vari passaggi dell’iter transattivo in esame, gli sviluppi del contenzioso, giudiziale e stragiudiziale, inter partes, i favorevoli pareri infraprocedimentali resi dall’Avvocatura dello Stato, nonché l’avallo fornito al parere reso dalla convenuta dal dirigente competente e dai vertici dell’ANAS stessa.
Sentenza n. 102 del 28 luglio 2017 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,420KB) Sentenza n. 102 del 28 luglio 2017 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,420KB) in Nuova Finestra
La Sezione d'Appello della Corte dei Conti per la Sicilia, previa disamina della normativa in materia di criteri di quantificazione del danno all'immagine della P.A., con particolare riferimento a quella contenuta nell'art. 1, comma 62, della L. n.190/2012, ha disposto la condanna di due sottufficiali della Guardia di Finanza (già riconosciuti colpevoli in sede penale di numerosi episodi di concussione e corruzione) a risarcire i gravi danni cagionati all'immagine ed al prestigio dell'Amministrazione d'appartenenza.
24 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 122/2017 (PDF,232KB) 24 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 122/2017 (PDF,232KB) in Nuova Finestra
La sentenza n° 122 del 24 luglio 2017, sulla natura dichiarativa del giudizio pensionistico innanzi alla Corte dei conti, tende all’accertamento del diritto a pensione nella misura di legge (rientrando nella cognizione della stessa anche le conseguenze in termini di recupero)
Sentenza n. 173 del 20 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,136KB) Sentenza n. 173 del 20 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,136KB) in Nuova Finestra
Che ha ribadito alcuni principi in tema di accoglimento dell’azione revocatoria di costituzione di fondo patrimoniale
18 luglio 2017 - Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 118/2017 (PDF,279KB) 18 luglio 2017 - Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 118/2017 (PDF,279KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 118 del 18 luglio 2017 è stata affermata la giurisdizione della Corte dei conti in ordine a domande di tipo risarcitorio (in adesione alla giurisprudenza della Corte di cassazione), allorquando la richiesta è basata non sulla violazione del principio generale del neminem laedere, bensì sul prospettato ritardato adempimento della corretta prestazione pensionistica, cioè in materia attribuita alla giurisdizione esclusiva della Corte dei conti ex art. 62 del r.d. 12 luglio 1934, n° 1214 ed ex artt. 151 e ss. del c.g.c.)
Sentenza n. 164 del 10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,159KB) Sentenza n. 164 del 10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,159KB) in Nuova Finestra
L’omessa costituzione di parte civile dell’Amministrazione danneggiata nel processo penale e l’assenza di rilievi da parte degli organi contabili interni non esclude la dannosità di singoli provvedimenti illeciti compiuti da un dirigente scolastico nell’esercizio delle sue funzioni.
Sentenza n. 77 del 10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,207KB) Sentenza n. 77 del 10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,207KB) in Nuova Finestra
La sentenza afferma la responsabilità amministrativa per danno erariale nei confronti di un Ente gestore di una Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili mentali nonché dei soggetti incaricati di attività gestionali presso l'Ente ovvero di attività di controllo presso l'AULSS, ove siano stati violati gli standard di personale medico e infermieristico previsti dalle convenzioni che regolano il servizio e l'Ente abbia conseguito la piena remunerazione da parte dell'Azienda sanitaria con ingiustificato risparmio di spesa.
10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Piemonte - Sentenza n. 53 del 16 giugno 2017
Corte dei conti - articolo 103 comma 2. Costituzione - materia di contabilità pubblica - Controllo dei rendiconti consiliari ex art. 1 comma 10 DL 174/2012 - controversia in materia di recupero delle somme dichiarate irregolari dalla sezione regionale di controllo - giurisdizione contabile - sussiste.
10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Piemonte - Decreto n. 6 del 23 marzo 2017
Giudizio abbreviato. Ambito del potere cognitivo del giudice. Indagine sui presupposti di ammissibilità e sul merito dell'accordo. Necessità.
Ordinanza n. 63 del 7 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,446KB) Ordinanza n. 63 del 7 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,446KB) in Nuova Finestra
L'ordinanza in questione afferma che la competenza per i giudizi riguardanti magistrati contabili, già in servizio nella sede del giudice adito, ai sensi dell'art. 18, comma 3, del codice della giustizia contabile, appartiene alla Sezione indicata nella tabella A del codice, anche per i fatti verificatisi prima della data di entrata in vigore del codice e ancorché, sempre prima di tale data, fosse iniziata l'attività istruttoria e fosse stato emesso l'invito a fornire deduzioni.
Sentenza n. 76 del 6 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,176KB) Sentenza n. 76 del 6 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,176KB) in Nuova Finestra
La sentenza esclude la configurabilità del danno da disservizio per il mero inadempimento di prestazioni di servizio e afferma che il danno da disservizio, che costituisce un pregiudizio ulteriore rispetto al danno patrimoniale diretto, deve essere ricondotto al nocumento procurato dalla condotta illecita del dipendente al corretto funzionamento dell'apparato pubblico, sia sotto forma di pregiudizio caratterizzato da una prestazione soltanto apparente resa verso l'utenza, sia sotto forma di prestazione caratterizzata dall'esercizio illecito e penalmente rilevante di funzione pubblica, con la conseguenza che, nel primo caso, il danno coincide con il pregiudizio per l'utenza che non ha potuto fruire del servizio nei termini previsti, mentre, nel secondo caso, consiste nella spesa effettuata per l'organizzazione e lo svolgimento di una attività amministrativa improduttiva di risultati.
5 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 106/2017 (PDF,287KB) 5 luglio 2017 – Sezione Giurisdizionale per la regione Lombardia – Sentenza n. 106/2017 (PDF,287KB) in Nuova Finestra
Con la sentenza n° 106 del 5 luglio 2017 è stato ricostruito il quadro normativo relativo all’efficacia dei pareri resi dalle Commissioni mediche ospedaliere in ordine alla dipendenza di infermità da causa di servizio