Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Giurisdizione

Sezione giurisdizionale regione Lazio - Anno 2018 (PDF,431KB) Sezione giurisdizionale regione Lazio - Anno 2018 (PDF,431KB) in Nuova Finestra
MASSIME dei provvedimenti più rilevanti in materia di responsabilità
Sentenza n. 428 del 19 dicembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,1.72MB) Sentenza n. 428 del 19 dicembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,1.72MB) in Nuova Finestra
Per i danni riportati da una società in house in relazione ad attività di investimento finanziario rivelatasi in perdita, risponde il presidente del consiglio di amministrazione, che abbia operato come sostanziale dominus dell'attività; tale responsabilità si estende comunque ai consiglieri di amministrazione, quantomeno a titolo di colpa grave, se i medesimi abbiano omesso di limitare il mandato ad agire conferito al Presidente e poi di informarsi e di informare, tra gli altri, il collegio sindacale circa l’esorbitanza degli atti gestionali rispetto alle finalità istituzionali dell'ente.
Sentenza n. 424 del 18 dicembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,36.35MB) Sentenza n. 424 del 18 dicembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,36.35MB) in Nuova Finestra
La distribuzione dell’onere della prova in tema di responsabilità propria nella gestione di risorse pubbliche, grava sulla parte convenuta; pertanto devono essere ritenute foriere di danno erariale tutte le spese per le quali non sia fornita giustificazione riscontrabile e puntuale in ordine all’inerenza della spesa. Può essere validamente disposto il rimborso delle spese, sostenute dai membri dei gruppi consiliari, nel cui documento giustificativo sia rinvenibile non il solo il dato storico dell’intervenuta spesa, ma anche l’indicazione specifica della finalità per cui la spesa è stata sostenuta. Con riferimento alle spese di ristorazione, sostenute nell’ambito della gestione dei fondi di pertinenza dei gruppi consiliari, il rimborso per consumazioni singole in ristoranti, bar e autogrill deve essere escluso, trattandosi di spese già coperte da una specifica voce del trattamento economico consistente nell’indennità di diaria e, se svolte all’interno del territorio nazionale, nel rimborso delle spese di missione. Anche per le consumazioni e i pasti relativi a soggetti terzi deve essere esclusa la riconducibilità alle spese di funzionamento, non ricorrendo i presupposti per qualificarle tra le spese di rappresentanza.
Sentenza n. 464 del 14 dicembre 2018 - Terza Sezione giurisdizionale centrale di Appello (PDF,202KB) Sentenza n. 464 del 14 dicembre 2018 - Terza Sezione giurisdizionale centrale di Appello (PDF,202KB) in Nuova Finestra
La c.d. “translatio iudicii”, con salvezza degli effetti processuali e sostanziali connessi alla domanda originaria, presuppone che in sede di riassunzione della domanda davanti al giudice contabile l’Attore pubblico debba mantenersi entro i limiti dell’emendatio libelli. Non è consentito, attraverso attività istruttorie successive o prospettazione di fatti nuovi, modificare la domanda o formulare domande nuove. Qualora sia affermata la giurisdizione della Corte dei conti in relazione ad una causa proposta davanti ad altro giudice, al fine della translatio iudicii ex art. 59 l. n. 69 del 2009 (ed oggi dall’art. 17, co. 2 e 4, c.g.c.) è sufficiente il deposito dell’atto di riassunzione, non rivelandosi necessaria la previa emissione dell’invito a dedurre. Nel giudizio di responsabilità amministrativa, il termine perentorio fissato dalla legge per la translatio iudicii è rispettato nel momento in cui si è determinata, con il deposito dell’atto di riassunzione, la pendenza del processo.
Sentenza n. 422 del 7 dicembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,291KB) Sentenza n. 422 del 7 dicembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,291KB) in Nuova Finestra
Il regime previdenziale delle aspettative non retribuite non è uniforme per tutte le tipologie normative esistenti e la disposizione, da parte dell’Amministrazione di appartenenza, di un tipo di aspettativa relativo ad una diversa fattispecie non vale a modificare il regime giuridico e previdenziale, relativo allo svolgimento di quelle specifiche funzioni.
Sentenza n. 421 del 6 dicembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,224KB) Sentenza n. 421 del 6 dicembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,224KB) in Nuova Finestra
I lavoratori non vedenti, ai fini del diritto alla pensione e del calcolo dell’anzianità contributiva, hanno diritto, su richiesta, per ogni anno di servizio, ad un beneficio di quattro mesi di contribuzione figurativa utile e ad una pari maggiorazione dell’età anagrafica, a cui applicare il coefficiente di trasformazione per il calcolo della quota di pensione nel sistema contributivo, senza poter cumulare tali benefici con altre disposizioni normative di favore.
Sentenza n. 409 del 22 novembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,1.42MB) Sentenza n. 409 del 22 novembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,1.42MB) in Nuova Finestra
L’insindacabilità, davanti la giurisdizione contabile, delle scelte dei gruppi consiliari nella gestione dei fondi di propria pertinenza vale per le sole opzioni giuridicamente consentite nel limite della cura dell’interesse pubblico e la Corte dei conti non viola il limite giuridico della riserva di amministrazione nel controllare anche la giuridicità sostanziale dell’esercizio del potere discrezionale. Rientrano tra le spese di rappresentanza dei gruppi consiliari regionali solo quelle che siano destinate ad accrescere il prestigio istituzionale esterno dell’organismo cui fanno riferimento e che, sotto il profilo quantitativo, rispondano a criteri di equità e ragionevolezza. Non sono rimborsabili le spese sostenute dai gruppi consiliari per l’attività di propaganda politica del partito, assolutamente differente dall’attività istituzionale del gruppo, poiché la commistione tra i due aspetti finirebbe nel risolversi in un finanziamento occulto del primo da parte del secondo.
Sentenza n. 359/2018 del 15 novembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la regione Calabria (PDF,348KB) Sentenza n. 359/2018 del 15 novembre 2018 - Sezione giurisdizionale per la regione Calabria (PDF,348KB) in Nuova Finestra
Affinché l’assoluzione in sede penale possa assumere rilievo sotto il profilo della responsabilità amministrativa nei confronti del soggetto convenuto per i medesimi fatti, è necessario che la pronuncia assolutoria abbia compiuto un autonomo accertamento dell’insussistenza del fatto o dell’impossibilità di attribuirlo all’interessato. L’attività di stima di un immobile, svolta da un dipendente pubblico, è censurabile dal giudice contabile solo ove manifesti un’evidente incoerenza, altrimenti rientrando nell’ambito della discrezionalità tecnica - che induce a valutare circostanze e fatti suscettibili di diverso apprezzamento a seconda della metodologia di stima adottata - e non nell’ambito dell’accertamento tecnico, ove, invece, l’esattezza della scienza di riferimento non prevede il momento valutativo da parte del tecnico. All’organo politico non può essere imputata responsabilità per attività tecnica, essendo la sua condotta censurabile solo in caso di palese irrazionalità ed illogicità.
Sentenza n. 216 del 31 ottobre 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,480KB) Sentenza n. 216 del 31 ottobre 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,480KB) in Nuova Finestra
E' stata ravvisata la responsabilità amministrativa per danno erariale a carico dei componenti di un'equipe medico-chirurgica per aver abbandonato, a conclusione di un intervento operatorio, un corpo estraneo nell'addome di una paziente. A tal proposito, è stato sottolineato che incombe paritariamente ed indistintamente su tutti i componenti (sia medici che infermieri) dell'equipe l'obbligo di attivarsi con la dovuta diligenza professionale onde evitare eventi del genere, in quanto gravemente lesivi per la salute della persona sottoposta ad intervento chirurgico.
Ordinanza n. 42 del 24 ottobre 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,248KB) Ordinanza n. 42 del 24 ottobre 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,248KB) in Nuova Finestra
Con l'ordinanza n. 42/2018 è stata sollevata questione di legittimità costituzionale, per contrasto con gli artt. 3, 36, 38 e 53 della Costituzione, dell'art. 13, comma 2, della Legge Regionale Siciliana n.13 dell'il giugno 2014 e dell'art. 1, comma 3, della Legge Regionale Siciliana n.28 del 29 dicembre 2016, che hanno imposto sino al 31.12.2019 il tetto massimo di € 160.000,00 annui alle pensioni erogate agli ex dipendenti dell'Amministrazione regionale.
Sentenza n. 294/2018 del 18 ottobre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,609KB) Sentenza n. 294/2018 del 18 ottobre 2018 - Sezione giurisdizionale per la Calabria (PDF,609KB) in Nuova Finestra
L’affidamento di un incarico di patrocinio legale, nei casi consentiti dalla legge, può essere remunerato tramite il patto di quota lite, senza che siano configurabili profili di responsabilità erariale. Tra i criteri di determinazione dell’onorario spettante per prestazioni di patrocinio legale ha preferenza assoluta l’accordo tra le parti e solo in mancanza ci si può riferire alle tariffe professionali, agli usi e alla decisione del giudice.
Sentenza n. 208 dell'11 ottobre 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,225KB) Sentenza n. 208 dell'11 ottobre 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,225KB) in Nuova Finestra
Sulla scorta della disamina della normativa vigente e della recente giurisprudenza sia della Corte dei Conti che della Corte Costituzionale, è stato ribadito il principio secondo cui in materia di responsabilità amministrativa per danno arrecato all'immagine ed al prestigio dello Stato e degli Enti Pubblici non può ipotizzarsi alcuna differenziazione di regime giuridico tra la categoria degli "amministratori e funzionari onorari", ivi compresi quelli facenti parte delle Assemblee elettive, e quella dei "dipendenti pubblici", entrambe incondizionatamente soggette alla giurisdizione esclusiva della Corte dei Conti.
9 ottobre 2018 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria - Sentenza non definitiva - Ordinanza n. 76/2018 (PDF,763KB) 9 ottobre 2018 - Sezione giurisdizionale per l'Umbria - Sentenza non definitiva - Ordinanza n. 76/2018 (PDF,763KB) in Nuova Finestra
Dipendente pubblico assenteista. Danno all'immagine. Pena minima edittale. Questioni di legittimità costituzionale dell'art. 55-quater, comma 3-quater, ultimo periodo, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dal decreto legislativo 20 giugno 2016, n. 116, in attuazione dell’art. 17, comma 1, lettera s), della legge 7 agosto 2015, n. 124. Violazione dell’art. 76 della Costituzione. Violazione dell’art. 3 della Costituzione [anche in combinazione con gli art. 23, 117, primo comma, della Costituzione rispetto all’art. 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) e all’art. 4 del Protocollo n. 7 addizionale di detta convenzione firmata a Roma il 4 novembre 1950]. Violazione dei principi di gradualità e proporzionalità sanzionatoria.
Sentenza n. 188 del 4 settembre 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,542KB) Sentenza n. 188 del 4 settembre 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,542KB) in Nuova Finestra
Previa analisi dei principii normativi e giurisprudenziali in materia di "società in house providing" ed affermazione della giurisdizione della Corte dei Conti sulla concreta fattispecie di danno erariale dedotta in giudizio, sono stati ravvisati profili di responsabilità amministrativa per colpa grave a carico del Presidente del Consiglio d'Amministrazione di una società in house della Regione Siciliana per aver violato i divieti imposti in materia di nuove assunzioni di personale nonché per aver attribuito ad alcuni dipendenti incrementi retributivi (cosiddetti "superminimi salariali") in carenza dei presupposti previsti dalla vigente contrattazione collettiva.
Sentenza n. 177 del 28 agosto 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,204KB) Sentenza n. 177 del 28 agosto 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,204KB) in Nuova Finestra
Previa analisi della recente normativa introdotta dall'art. 55-quinquies del D.L.vo n.165/2001 in materia di risarcibilità del danno all'immagine della P.A., derivante da episodi di assenteismo fraudolento dal posto di lavoro da parte di dipendenti pubblici, è stato evidenziato che trattasi di fattispecie peculiare, appositamente tipizzata dal legislatore, con conseguente inapplicabilità ad essa dei limiti posti dalla normativa generale per l'esercizio, da parte del P.M. contabile, dell'azione di responsabilità per danno all'immagine degli Enti pubblici.