Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Giurisdizione

Presidente della Sezione giurisdizionale: Guido CARLINO
Palazzo dei Camerlenghi – San Polo n. 1 – 30125 Venezia
Telefono: 041 2704917
Email: segr.sezione.giur.veneto@corteconti.it
Pec: veneto.giurisdizione@corteconticert.it
Pec giudizi responsabilità amministrativo-contabile:
veneto.giurisdizione.resp@corteconticert.it
Pec ricorsi pensionistici: veneto.giurisdizione.pens@corteconticert.it
Pec conti giudiziali: veneto.giurisdizione.conti@corteconticert.it

  

In evidenza

Venezia, 23 febbraio 2018 - Sezione giurisdizionale per la Regione Veneto - Inaugurazione dell'anno giudiziario 2018 (PDF,164KB) Venezia, 23 febbraio 2018 - Sezione giurisdizionale per la Regione Veneto - Inaugurazione dell'anno giudiziario 2018 (PDF,164KB) in Nuova Finestra
Relazione orale del Presidente Guido Carlino
Venezia, 23 febbraio 2018 - Sezione giurisdizionale per la Regione Veneto - Inaugurazione dell'anno giudiziario 2018 (PDF,808KB) Venezia, 23 febbraio 2018 - Sezione giurisdizionale per la Regione Veneto - Inaugurazione dell'anno giudiziario 2018 (PDF,808KB) in Nuova Finestra
Relazione scritta del Presidente Guido Carlino
Sentenza n. 77 del 10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,207KB) Sentenza n. 77 del 10 luglio 2017 - Sezione giurisdizionale per il Veneto (PDF,207KB) in Nuova Finestra
La sentenza afferma la responsabilità amministrativa per danno erariale nei confronti di un Ente gestore di una Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili mentali nonché dei soggetti incaricati di attività gestionali presso l'Ente ovvero di attività di controllo presso l'AULSS, ove siano stati violati gli standard di personale medico e infermieristico previsti dalle convenzioni che regolano il servizio e l'Ente abbia conseguito la piena remunerazione da parte dell'Azienda sanitaria con ingiustificato risparmio di spesa.