Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Notizie archivio

In evidenza

9 aprile 2019 – Sezione regionale di controllo per il Veneto – Delibera n. 73/2019/PAR (PDF,53KB) 9 aprile 2019 – Sezione regionale di controllo per il Veneto – Delibera n. 73/2019/PAR (PDF,53KB) in Nuova Finestra
Comune di San Bellino (RO) - Parere reso ai sensi dell’art. 7, comma 8, della legge 5 giugno 2003 n. 131 in materia di limiti e vincoli all'assunzione di personale. Considerato l'art. 35 bis del D. L. 113/2018, che pare limitare le facoltà assunzionali delle singole amministrazioni, imponendo ai Comuni di utilizzare le risorse risparmiate nel 2018, a seguito della cessazione di dipendenti in forza alla polizia municipale, per l'assunzione di lavoratori in possesso dello stesso profilo, e considerato il carattere triennale della pianificazione concernente il personale, il quesito riguarda la questione se la predetta limitazione debba trovare applicazione anche in presenza di atti di programmazione già approvati prima dell'entrata in vigore della legge di conversione n. 132 del 1 dicembre 2018.
9 aprile 2019 – Sezione regionale di controllo per il Veneto – Delibera n. 72/2019/PAR (PDF,60KB) 9 aprile 2019 – Sezione regionale di controllo per il Veneto – Delibera n. 72/2019/PAR (PDF,60KB) in Nuova Finestra
Comune di Spinea (VE) - Parere reso ai sensi dell’art. 7, comma 8, della legge 5 giugno 2003 n. 131. L'Ente articola la richiesta in varie questioni: 1) se la spesa per il pagamento di tali incentivi rientri o meno nell'ammontare complessivo della Spesa del Personale (tutta) ai sensi dell'art. 1, co. 557, della L. n. 296/2006; 2) se tale incentivo possa essere riconosciuto per la gestione di opere di manutenzione straordinaria ricomprese all'interno del Piano Triennale delle Opere Pubbliche dell'Ente; 3) se l'incentivo possa essere riconosciuto a fronte di manutenzioni ordinarie che comunque prevedono lo svolgimento di alcune della attività previste dal richiamato art. 113, co. 2, del D.Lgs. n. 50/2016; 4) se l'incentivo possa essere riconosciuto a fronte della gestione di un appalto di fornitura di servizi affidato mediante adesione ad una Convenzione Consip già attiva; 5) se l'incentivo possa essere riconosciuto a fronte della gestione di un appalto di fornitura di servizi di assistenza domiciliare, che verrà assegnato a seguito dell'esperimento di apposita gara; 6) se l'amministrazione possa destinare, per l'erogazione di tutti gli incentivi in questione, un budget annuo complessivo che potrebbe comportare il riconoscimento di una percentuale anche molto inferiore al 2% previsto dall'art. 113 o l'esclusione di alcuni appalti dall'incentivazione; 7)infine, se l'incentivo introdotto con il D.Lgs. n. 50, art. 113, co. 2, debba essere corrisposto dall'Amministrazione comunale e se possano essere definiti dei limiti, in valore assoluto o percentuale, inferiori rispetto al 2% previsto al fine di rispettare il limite complessivo della Spesa di Personale.
22 febbraio 2019 - Inaugurazione anno giudiziario 2019 (PDF,1.9MB) 22 febbraio 2019 - Inaugurazione anno giudiziario 2019 (PDF,1.9MB) in Nuova Finestra
Relazione del Presidente della Sezione giurisdizionale regionale per il Veneto Carlo Greco

Approfondimenti

Calendario

La Corte

Mappa regionale

uffici regionali

Mappa centrale

uffici centrali della sede di Roma
uffici centrali della sede di Roma Valle d'Aosta Piemonte Trentino Alto Adige - Bolzano Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Marche Umbria Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Lombardia Veneto Trentino Alto Adige - Trento Lazio Toscana Abruzzo