Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Giurisdizione

Sezione giurisdizionale Presidente: Guido CARLINO
Via Cordova, 76 90143 Palermo
Telefono: 091 5015335
Fax: 091 5015258
Email: sezione.giur.sicilia@corteconti.it
Pec: sicilia.giurisdizione@corteconticert.it
Pec: sicilia.giurisdizione.resp@corteconticert.it
Pec: sicilia.giurisdizione.pens@corteconticert.it
Pec: sicilia.giurisdizione.conti@corteconticert.it

Sezione giurisdizionale di Appello Presidente:  Giovanni COPPOLA
Via Cordova, 76 - 90143 Palermo
Telefono: 091 5015768 - 208
Fax: 091 5015207
Email: sicilia.sezioneappello.segreteria@corteconti.it; sicilia.sezioneappello@corteconti.it
Pec: sicilia.sezione.appello.resp@corteconticert.it (responsabilità)
Pec: sicilia.sezione.appello.pens@corteconticert.it (pensionistica)
Pec: sicilia.sezione.appello.conti@corteconticert.it (conti)
Pec: sicilia.sezione.appello@corteconticert.it (segreteria)

 

  

In evidenza

Calendario (PDF,712KB) Calendario (PDF,712KB) in Nuova Finestra
Calendario udienze collegiali 2019
Sentenza n. 73 del 14 aprile 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,263KB) Sentenza n. 73 del 14 aprile 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,263KB) in Nuova Finestra
Dopo un'analitica disamina della più recente giurisprudenza della Corte Costituzionale, riguardante norme finalizzate al riequilibrio del sistema previdenziale ed al contenimento della relativa spesa, la Sezione d'Appello per la Sicilia ha dichiarato la manifesta infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale, che erano state prospettate da varie parti nei riguardi dell'art.22 della L.R. n.21/2014, che ha istituito il "contributo di solidarietà" sulle pensioni degli ex dipendenti della Regione siciliana d'ammontare superiore ad € 50.000,00; in particolare, è stata esclusa la natura tributaria del contributo di solidarietà ed è stata affermata la sua conformità ai principi sanciti dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 173/2016.
Sentenza n. 47 del 5 marzo 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,224KB) Sentenza n. 47 del 5 marzo 2018 – Sezione giurisdizionale d’Appello per la Regione siciliana (PDF,224KB) in Nuova Finestra
Pronunziandosi in tema di “ricorso del Pubblico Ministero nell’interesse della legge” in materia pensionistica, di cui all’art. 171 del D.L.vo n.174/2016, la Sezione d’Appello per la Sicilia ha affermato che: il P.M. (che viene ad assumere una veste di “parte meramente formale”) non può intervenire nell’ambito del processo pensionistico (in cui le parti sostanziali, pubbliche e private, si trovano ad operare su un piano di perfetta “parità” tra di loro) allo scopo di tutelare un interesse concreto, di cui sia titolare un determinato Organo od Ente della P.A. od una parte privata, ma esclusivamente al fine di salvaguardare, ove ne sussista oggettivamente l’impellente necessità, i superiori interessi generali alla corretta applicazione della legge ed alla piena attuazione dei principii fondamentali dell’ordinamento giuridico; in tale peculiare ottica, il P.M. può proporre ricorso alla competente Sezione d’Appello avverso una sentenza di primo grado in materia pensionistica non già per stigmatizzare qualsiasi ipotetico “errore di diritto” in essa ravvisabile (la cui eventuale rimozione resta riservata all’iniziativa processuale della “parte sostanziale” direttamente interessata) ma soltanto nei casi eccezionali in cui la decisione risulti viziata da un’interpretazione palesemente abnorme ed irrazionale della normativa vigente o da una sua applicazione del tutto arbitraria rispetto alla fattispecie concreta dedotta in giudizio o da un’immotivata divergenza da basilari principii giurisprudenziali.