Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Giurisdizione

Presidente della Sezione giurisdizionale: Mauro OREFICE
Via Matteotti, 56 - 70121 Bari
Telefono: 080 5950111/258 - Fax: 080 5950300
Email: sezione.giur.puglia@corteconti.it
Email: segr.sezione.giur.puglia@corteconti.it (Segreteria Sezione)
Pec: puglia.giurisdizione@corteconticert.it
Pec: puglia.giurisdizione.pens@corteconticert.it  (Pensionistica)
Pec: puglia.giurisdizione.resp@corteconticert.it  (Responsabilità)
Pec: puglia.giurisdizione.conti@corteconticert.it  (Conti giudiziali)

  

In evidenza

Sentenza n. 328 del 26 giugno 2017 - Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia (PDF,384KB) Sentenza n. 328 del 26 giugno 2017 - Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia (PDF,384KB) in Nuova Finestra
Integra gli estremi di un illecito amministrativo-contabile, a titolo di colpa grave, il comportamento del responsabile dell’ufficio tecnico comunale, che ometta di provvedere alla diretta rideterminazione del costo di costruzione, ovvero, in alternativa, di proporre siffatto adempimento all’organo consiliare; risultando irrilevante la irrisorietà numerica, rispetto alla non trascurabile importanza dell’ente danneggiato, delle irregolarità conseguenti alla contestata condotta omissiva (nella specie, la circostanza, in uno con gli impeccabili precedenti di servizio, è stata tuttavia valorizzata in sede di applicazione del potere riduttivo dell’addebito).
Sentenza n. 229 del 19 maggio 2017 - Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia (PDF,103KB) Sentenza n. 229 del 19 maggio 2017 - Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia (PDF,103KB) in Nuova Finestra
Integra gli estremi di un illecito amministrativo-contabile, a titolo di colpa grave, il comportamento del responsabile dell’ufficio tecnico comunale, che ometta di provvedere alla diretta rideterminazione del costo di costruzione, ovvero, in alternativa e necessariamente per comunicazione formale, di proporre siffatto adempimento all’organo consiliare; risultando irrilevante il comprovato sollecito verbale indirizzato ai vertici politici dell’ente locale (nella specie, la circostanza, è stata, tuttavia, valorizzata in sede di applicazione del potere riduttivo dell’addebito).
Sentenza n. 155 del 12 aprile 2017 - Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia
In tema di trasformazione degli enti lirici sinfonici e relativa massima