Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Controllo

Presidente della Sezione regionale di controllo: Maria Teresa POLITO
Via Bertola, 28 - 10122 Torino
Telefono: 011 5608671
Fax: 011 531462
Email: sezione.controllo.piemonte@corteconti.it
Pec: piemonte.controllo@corteconticert.it

  

In evidenza

7 luglio 2017 - Sezione regionale di controllo per la Regione Piemonte
Giudizio di parificazione del Rendiconto generale della Regione Piemonte per l'esercizio finanziario 2016
7 luglio 2017 - Giudizio di parificazione del rendiconto generale della Regione Piemonte per l'esercizio finanziario 2016 (PDF,664KB) 7 luglio 2017 - Giudizio di parificazione del rendiconto generale della Regione Piemonte per l'esercizio finanziario 2016 (PDF,664KB) in Nuova Finestra
Introduzione del Presidente della Sezione regionale di controllo Maria Teresa Polito e sintesi della relazione annessa alla delibera di parifica, relatori Cons. Massimo Valero e Cons. Luigi Gili
12 giugno 2017 - Sezione regionale di controllo per il Piemonte - Delibera n. 116/2017/PRSE (PDF,285KB) 12 giugno 2017 - Sezione regionale di controllo per il Piemonte - Delibera n. 116/2017/PRSE (PDF,285KB) in Nuova Finestra
Rendiconto del comune di Torino - esercizio 2015 e bilancio preventivo 2016-2018, la Sezione ha accertato: un equilibrio di parte corrente perseguito con applicazione di vincoli sul risultato di amministrazione e di entrate derivanti da sanzioni codice della strada; non corretta compilazione della relazione dei Revisori sul rendiconto 2015 relativa alle entrate non ripetitive; risultato di amministrazione positivo (euro 370.356.286,28) meramente contabile, in presenza di un fondo cassa pari a zero, che, dopo l’applicazione di vincoli ed accantonamenti diventa, negativo per euro 306.763.231,77; ricorso all’anticipazione di tesoreria, prolungato anche nell’esercizio 2016; nell’esercizio 2015 i parametri di deficitarietà strutturale: mancata restituzione dell'anticipazione di cassa a fine anno per oltre il 5 % delle entrate correnti; indebitamento non assistito da contribuzioni superiore al 150 % delle entrate correnti; l’esistenza di passività potenziali-rate di contributo non più versate in favore di società partecipate; forme di garanzia rilevanti ai sensi dell’art. 204 Tuel emesse nell’interesse di partecipate. Conseguentemente, la Sezione ha disposto che l’Amministrazione provveda a rideterminare il limite di indebitamento al 31.12.2015 tenendo conto delle forme di garanzia emesse; predisponga un articolato piano di interventi, da trasmettere a questa Sezione entro il 30/09/17; trasmetta due relazioni annue per il prossimo triennio, entro il 31 gennaio ed il 31 luglio.