Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Controllo

Presidente della Sezione regionale di controllo: Fabio VIOLA
V.le Brigate Partigiane, 2 16129 Genova
Telefono: 010 53491
Fax: 010 586902
Email: sezione.controllo.liguria@corteconti.it
Pec: liguria.controllo@corteconticert.it

  

In evidenza

6 aprile 2018 - Sezione regionale di controllo per la Liguria - Delibera n. 80/2018/PRSE (PDF,516KB) 6 aprile 2018 - Sezione regionale di controllo per la Liguria - Delibera n. 80/2018/PRSE (PDF,516KB) in Nuova Finestra
Comune di Lavagna: La Sezione chiede, oltre alla ricompilazione completa del piano di riequilibrio, ulteriori elementi istruttori ai fini della riduzione delle spese per il personale e per i servizi generali, nonché per la valutazione degli immobili i cui proventi delle alienazioni contribuiscono alla copertura del disavanzo. In particolare, l’Ente potrà procedere con due diverse modalità: a) richiesta di apposita perizia all’Agenzia delle Entrate per tutti gli immobili indicati nel piano delle alienazioni; b) assunzione, come riferimento, per le unità residenziali, del valore minimo al mq. di tutte le abitazioni civili secondo il parametro OMI I Semestre 2017, fermo restando la necessità di chiedere all’Agenzia delle Entrate il valore attuale dei terreni proposti in alienazione, stante il mancato aggiornamento dei dati OMI relativamente ai medesimi.
24 luglio 2017 - Sezione regionale di controllo per la Liguria - Delibera n. 68/2017/PRSE (PDF,345KB) 24 luglio 2017 - Sezione regionale di controllo per la Liguria - Delibera n. 68/2017/PRSE (PDF,345KB) in Nuova Finestra
Comune di Taggia: La Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Regione Liguria, dall’esame della relazione relativa al rendiconto 2014 e della documentazione acquisita successivamente dall'Ente, ha accertato la violazione dell’articolo 227, comma 2 TUEL, in relazione all’approvazione oltre il termine prescritto del rendiconto consuntivo relativo all’esercizio 2014 nonché, la violazione delle norme che disciplinano la contrattazione integrativa.
21 luglio 2017 - Sezione regionale di controllo per la Liguria - Delibera n. 65/2017/PARI (PDF,6.64MB) 21 luglio 2017 - Sezione regionale di controllo per la Liguria - Delibera n. 65/2017/PARI (PDF,6.64MB) in Nuova Finestra
La Sezione Regionale di controllo parifica nelle sue componenti, il Rendiconto generale della Regione Liguria per l’esercizio 2016, con esclusione, per quanto esposto in motivazione: - delle somme riportate nel conto di bilancio a titolo di residui attivi iscritti al Titolo 9° “Entrate per contabilità speciali” per complessivi euro 1.130.068,39, a causa della non corrispondenza tra le scritture contabili e la predetta posta di rendiconto, in conseguenza della mancata rendicontazione delle spese della gestione economale; - della posta contabile dello Stato patrimoniale “DEBITI”, in quanto non espone l’importo di euro 103.177.221,84 derivante dalla cessione degli immobili di proprietà della Regione e delle ASL ad ARTE Genova, destinata a copertura del disavanzo sanitario 2011, da riqualificarsi quale operazione di indebitamento; - delle poste contabili dello Stato patrimoniale “IMMOBILIZZAZIONI”, in quanto non espone l’importo di euro 18.483.718,74 a titolo di immobili cartolarizzati e alla voce “ATTIVO CIRCOLANTE”, per un importo di euro 84.693.503,10 a titolo di crediti cartolarizzati; - del “Risultato d’amministrazione”, nella misura in cui non espone apposito vincolo, discendente dal saldo differenziale dei flussi finanziari, positivi e negativi, generati dai contratti derivati, per l’ulteriore somma di euro 16.126.199; - dello stesso “Risultato d’amministrazione”, per la componente negativa derivante da mutui autorizzati e non contratti, pari a euro 158.587.534,70, nella misura in cui contiene l’importo di euro 3.875.173,17 a copertura di spese correnti.