Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Giurisdizione

Presidente: Piera MAGGI

Presidente aggiunto:

Dirigente: Paola LO GIUDICE

Via A. Baiamonti, 25 - 00195 Roma
Telefono: 06 38762236 - 2369
Fax: 06 38762877
Email: sezione.giur.lazio@corteconti.it
Email: segr.sezione.giur.lazio@corteconti.it
Pec: lazio.giurisdizione@corteconticert.it (Segreteria amministrativa)
Pec: lazio.giurisdizione.resp@corteconticert.it (Settore giudizi di responsabilità)
Pec: lazio.giurisdizione.conti@corteconticert.it (Settore conti giudiziali)
Pec: lazio.giurisdizione.pens@corteconticert.it (Settore giudizi in materia di pensioni)

  

In evidenza

Sentenza n. 241 dell’11 settembre 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,230KB) Sentenza n. 241 dell’11 settembre 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,230KB) in Nuova Finestra
In tema di responsabilità erariale derivante da violazioni della disciplina contrattuale delle alte professionalità (art. 2, co.1, d.lgs. n. 165/2001)
Sentenza n. 194 del 1° agosto 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,129KB) Sentenza n. 194 del 1° agosto 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,129KB) in Nuova Finestra
Il Collegio ha accolto l’azione revocatoria del fondo patrimoniale di oltre un milione di euro, costituito dal sindaco pro tempore del comune di Bracciano, condannato per ingenti danni erariali (prec. sentenze n. 367/2015, n. 158/2016, n. 254/2016 e n. 4/2017).
Sentenza n. 76 del 18 aprile 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,729KB) Sentenza n. 76 del 18 aprile 2017 - Sezione giurisdizionale per il Lazio (PDF,729KB) in Nuova Finestra
La Sezione, facendo applicazione del principio della ragione più liquida, ha assolto dirigenti comunali in un giudizio promosso dalla procura per asserito danno patrimoniale al Comune di Roma a seguito di mancata applicazione del canone di mercato alla scadenza di concessione provvisoria a canone agevolato. Nella suddetta fattispecie si trattava infatti di immobili non fruibili nel libero mercato ma utilizzabili solo a fini culturali e sociali. Non è stata rinvenuta, ai fini dell’applicazione dell’art. 96 c.p.c., colpa grave o dolo nella condotta del P.r. che ha emesso plurimi atti di citazione nei confronti di medesimi soggetti perché ciò ha comportato maggiore attenzione su ogni singolo caso.