Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Controllo

Presidente della Sezione regionale di controllo:
P.zza 8 agosto, 26 40126 Bologna
Telefono: 051 2867811
Fax: 051 2867815
Email: sezione.controllo.e.romagna@corteconti.it
Pec: emiliaromagna.controllo@corteconticert.it

    

In evidenza

13 luglio 2018, Bologna - Giudizio di parificazione sul Rendiconto generale della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2017 (PDF,2.49MB) 13 luglio 2018, Bologna - Giudizio di parificazione sul Rendiconto generale della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2017 (PDF,2.49MB) in Nuova Finestra
Decisione e Relazione sul rendiconto generale della Regione Emilia Romagna per l'esercizio finanziario 2017
13 luglio 2018, Bologna - Giudizio di parificazione sul Rendiconto generale della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2017 (PDF,365KB) 13 luglio 2018, Bologna - Giudizio di parificazione sul Rendiconto generale della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2017 (PDF,365KB) in Nuova Finestra
Sintesi e conclusioni del Presidente Carlo Greco.
2 maggio 2018 - Sezione regionale di controllo per l'Emilia-Romagna - Delibera n. 100/2018/VSGO (PDF,209KB) 2 maggio 2018 - Sezione regionale di controllo per l'Emilia-Romagna - Delibera n. 100/2018/VSGO (PDF,209KB) in Nuova Finestra
La deliberazione concerne l’esame del provvedimento di revisione straordinaria delle partecipazioni societarie adottato dalla Provincia di Ravenna, in adempimento alla previsione di cui all’art. 24, comma 3, del testo unico in materia di società a partecipazione pubblica di cui al d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175. Nel documento sono evidenziate le criticità riscontrate con distinto riferimento alle diverse partecipazioni societarie possedute. In particolare viene segnalato come, per effetto del conferimento di società partecipate (la cui attività rientrava nei compiti istituzionali delle province) in una società holding facente capo ad un comune, la Provincia si sia trovata ad avere ulteriori partecipazioni (indirette) estranee alle funzioni. L’Ente viene invitato conseguentemente ad assumere le iniziative necessarie a rimuovere tale situazione. Inoltre, nel caso di società con capitale prevalentemente pubblico, viene evidenziata la necessità di iniziative volte a formalizzare l’eventuale esistenza del controllo pubblico congiunto o a valorizzare la partecipazione raggiungendo i necessari accordi con gli altri soci pubblici. Discende dalla possibile sussistenza del controllo pubblico l’obbligo di adeguare gli statuti alle specifiche previsioni contenute nel testo unico.