Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Controllo

Presidente della Sezione regionale di controllo: Carlo GRECO
P.zza 8 agosto, 26 40126 Bologna
Telefono: 051 2867811
Fax: 051 2867815
Email: sezione.controllo.e.romagna@corteconti.it
Pec: emiliaromagna.controllo@corteconticert.it

    

In evidenza

2 maggio 2018 - Sezione regionale di controllo per l'Emilia-Romagna - Delibera n. 100/2018/VSGO (PDF,209KB) 2 maggio 2018 - Sezione regionale di controllo per l'Emilia-Romagna - Delibera n. 100/2018/VSGO (PDF,209KB) in Nuova Finestra
La deliberazione concerne l’esame del provvedimento di revisione straordinaria delle partecipazioni societarie adottato dalla Provincia di Ravenna, in adempimento alla previsione di cui all’art. 24, comma 3, del testo unico in materia di società a partecipazione pubblica di cui al d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175. Nel documento sono evidenziate le criticità riscontrate con distinto riferimento alle diverse partecipazioni societarie possedute. In particolare viene segnalato come, per effetto del conferimento di società partecipate (la cui attività rientrava nei compiti istituzionali delle province) in una società holding facente capo ad un comune, la Provincia si sia trovata ad avere ulteriori partecipazioni (indirette) estranee alle funzioni. L’Ente viene invitato conseguentemente ad assumere le iniziative necessarie a rimuovere tale situazione. Inoltre, nel caso di società con capitale prevalentemente pubblico, viene evidenziata la necessità di iniziative volte a formalizzare l’eventuale esistenza del controllo pubblico congiunto o a valorizzare la partecipazione raggiungendo i necessari accordi con gli altri soci pubblici. Discende dalla possibile sussistenza del controllo pubblico l’obbligo di adeguare gli statuti alle specifiche previsioni contenute nel testo unico.
27 marzo 2018 - Sezione regionale di controllo per l'Emilia-Romagna - Delibera n. 82/2018/VSGO (PDF,183KB) 27 marzo 2018 - Sezione regionale di controllo per l'Emilia-Romagna - Delibera n. 82/2018/VSGO (PDF,183KB) in Nuova Finestra
Relazione sui servizi legali attribuiti nel 2015 – AGENZIA REGIONALE DI SVILUPPO DEI MERCATI TELEMATICI (INTERCENT_ER). A seguito dell'entrata in vigore del d.lgs. n. 50/2016, anche il singolo incarico di patrocinio legale deve essere inquadrato come appalto di servizi, affidato nel rispetto dei principi di cui all'art. 4 del citato d.lgs. e, in particolare, sulla base di una procedura comparativa. Ulteriori criticità: mancato inserimento degli incarichi di patrocinio legale in un atto di programmazione; ricorso all’affidamento diretto; mancanza di una previa valutazione di congruità del preventivo.
27 marzo 2018 - Sezione regionale di controllo per l'Emilia-Romagna - Delibera n. 81/2018/VSGO (PDF,288KB) 27 marzo 2018 - Sezione regionale di controllo per l'Emilia-Romagna - Delibera n. 81/2018/VSGO (PDF,288KB) in Nuova Finestra
Università degli Studi di Ferrara - Ricognizione straordinaria delle partecipazioni societarie - (art.24 del t.u. d.lgs.19 agosto 2016, n. 175) Pur essendo vero che gli spin off presentano delle specificità che ne connotano sia l’istituzione che l’operatività, ragion per cui vi è una previsione di rinvio quinquennale nell’applicazione dei criteri di razionalizzazione di cui all’art.20 (cfr. art.26 comma 12-ter del t.u.), è altrettanto vero che un’interpretazione logico-sistematica della surrichiamata disposizione non può implicarne la totale pretermissione fino al quinto anno dalla costituzione della compagine sociale, quasi tamquam non esset, per poi comportarne la rigida applicazione dal giorno successivo alla relativa scadenza, salvo un paventato pregiudizio per quegli obiettivi di efficienza ed efficacia dell’agere pubblico che invece si vogliono preservare.