Informativa sui cookie

Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.Informativa estesa sui cookieVisualizza l'informativa estesa sui cookie

Sito della Corte dei conti

Breadcrumb

Controllo

Presidente della Sezione regionale di controllo: Giovanni COPPOLA
Via Ammiraglio Acton, 35 80133 Napoli
Telefono: 081 2523611
Fax: 081 5528592
Email: sezione.controllo.campania@corteconti.it
Pec: campania.controllo@corteconticert.it

  

In evidenza

16 ottobre 2017 - Sezione regionale di controllo per la Campania - Delibera n. 240/2017 (PDF,5.67MB) 16 ottobre 2017 - Sezione regionale di controllo per la Campania - Delibera n. 240/2017 (PDF,5.67MB) in Nuova Finestra
La Sezione ha ritenuto inammissibile la riformulazione e rimodulazione del piano di riequilibrio del Comune di Napoli, ai sensi dell’art. 1 comma 714-bis Legge di stabilità 2016 (effettuata con la deliberazione del Consiglio comunale n. 28 del 22 maggio 2017) in quanto tardiva e non avente ad oggetto un “nuovo disavanzo”. Per l’effetto, il procedimento di controllo instauratosi non ha determinato la necessità di una approvazione o diniego da parte della Sezione, né la sospensione delle azioni esecutive dei creditori, ma solo una verifica della congruità della riformulazione/rimodulazione del Piano originario ai sensi dell’art. 1 comma 714. In tale prospettiva, tra le misure correttive, il Comune è stato invitato a rieditare, limitatamente agli aspetti rilevati, il riaccertamento straordinario per assorbire con le pertinenti modalità di ripiano disavanzi latenti e non contabilizzati.
13 settembre 2017 - Sezione regionale di controllo per la Campania - Delibera n. 233/2017 (PDF,878KB) 13 settembre 2017 - Sezione regionale di controllo per la Campania - Delibera n. 233/2017 (PDF,878KB) in Nuova Finestra
Comune di Bacoli. La Sezione denega l’approvazione del Piano di riequilibrio del comune in quanto esso sottostima l’obiettivo di riequilibrio e predispone mezzi inadeguati per effetto di rilevate criticità, quali l’incapacità dei flussi di cassa di sostenere la spesa autorizzata e la grave sottostima del FCDE. Quest’ultimo, da un lato, non copre da gravi rischi per crediti di dubbia esigibilità che avrebbero dovuto essere stralciati dal bilancio con il riaccertamento straordinario ex art. 243-bis co. 8, lett. e), (e che invece sono stati mantenuti in bilancio determinando l’incongruità dell’obiettivo di riequilibrio), dall’altro, comporta l’insufficienza dei mezzi di ripiano contemplati dal piano di riequilibrio che, basato essenzialmente sull’avanzo di parte corrente, non tiene conto, in particolare, del “maggior disavanzo” da armonizzazione non emerso correttamente col riaccertamento straordinario ex art. 3, co.7, del D.lgs. n. 118/2011. La Sezione, interpretando evolutivamente l’art. 243-bis-b co. 8 lett. e) TUEL, rileva poi il mancato stralcio o, in alternativa, l’adeguata svalutazione di un elevato credito verso una società partecipata “in house” potenzialmente in grado di raddoppiare il disavanzo e, quindi, l’obiettivo di riequilibrio.
21 luglio 2017 - Sezione regionale di controllo per la Campania - Delibera n. 230/2017 (PDF,745KB) 21 luglio 2017 - Sezione regionale di controllo per la Campania - Delibera n. 230/2017 (PDF,745KB) in Nuova Finestra
Comune di Caserta. La Sezione, sulla base della documentazione acquisita, ritiene necessario assicurare la completezza dell'istruttoria, non essendo presenti, allo stato degli atti, tutti gli elementi idonei a valutare la congruenza ai fini del riequilibrio del piano presentato dal Comune di Caserta. Pertanto, nell'ambito dei propri poteri istruttori e cognitivi, riservata ogni ulteriore pronuncia interlocutoria, nonché definitiva, in ordine all’approvazione ovvero al diniego del piano di riequilibrio finanziario pluriennale, la Sezione ordine al Comune ed all'Organo di revisione economico-finanziaria di provvedere nei termini di cui in motivazione.